Home / Blog bianconeri / Udinese, a Firenze per i primi punti dopo 13 anni

Udinese, a Firenze per i primi punti dopo 13 anni

I bianconeri al Franchi hanno sempre perso dopo l'11 novembre 2007

Udinese, a Firenze per i primi punti dopo 13 anni

Dopo 13 anni è tempo di riprovarci. L'Udinese esce sconfitta dal Franchi da quell'11 novembre 2007 in cui Quagliarella e Di Natale firmarono l'ultimo successo bianconero per 1-2. Era l'Udinese del primo anno di Marino e di fronte aveva i gigliati allenati da Prandelli che aveva come regista Liverani, in squadra Jorgensen e Kroldrup e come punta Pazzini. Tempi davvero tanto, troppo lontani.

Dopo allora, a Firenze, solo sconfitte, anche in Coppa Italia, con l'Udinese fermata dai Viola in semifinale nel 2014. E' decisamente ora di invertire la rotta. 

Il momento è particolare per mille motivi. Anche stavolta, come contro il Parma, tra gli avversari è presente l'incubo del Covid. E non è l'unico loro tormento. L'ambiente è in fibrillazione e stavolta si è compattato contro l'allenatore, che contro i friulani potrebbe rischiare la panchina. Le parole di Commisso nei suoi confronti non sono state abbastanza rassicuranti, davano più la sensazione di essere utili a prendere tempo per decidere il futuro della panchina. In tutto questo, la squadra non è certo serena. Sullo sfondo rimangono il caso Chiesa e il comportamento di Biraghi, non certo esemplare, verso il vice di Iachini. 

L'Udinese, però, deve pensare a sè stessa, trarre energia dall'entusiasmo portato dalla vittoria sul Parma. La squadra è ancora alla ricerca di una sua identità, ma i nuovi innesti hanno portato maggiore fiducia all'interno del gruppo e Gotti si trova a dover gestire una situazione che non deve far perdere equilibrio alla squadra. E mentre studia l'assetto migliore, il mister sa di poter contare su forze offensive di tutto rispetto. De Paul rimane il riferimento, la garanzia, il trascinatore. Ma adesso può contare sulla qualità di Pereyra, Pussetto e un Deulofeu a cui manca solo la condizione migliore. In difesa dovrebbe esserci un Bonifazi in più e in mediana, in attesa di capire se Walace potrà essere impiegato, c'è la curiosità di vedere di nuovo all'opera Makengo

Gotti ha il potenziale per uscire finalmente con punti dal Franchi. E' il momento di osare e sfruttare l'occasione.

BIANCONERI IN TV

Interviste esclusive

Conferenze stampa

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi