Home / Rassegna stampa / Gazzetta dello sport: Il calcio al tempo del Covid

Gazzetta dello sport: Il calcio al tempo del Covid

Già 107 positivi da inizio torneo, ma le grandi dribblano l'effetto virus

Gazzetta dello sport: Il calcio al tempo del Covid

Il campionato attuale è destinato ad essere condizionato dal Covid molto più di quello appena concluso. La Gazzetta dello sport ha fatto un'inchiesta sull'argomento, andando a rivedere tutti i numeri di questo inizio 2020/21. Ecco cosa scrive: "nei 74 giorni trascorsi dal via del 19 settembre, ci sono stati 107 giocatori positivi (più altri che erano stati bloccati durante la fase di preparazione) e 239 indisponibilità tra partite di campionato e coppe europee. Solo il Bologna è Covid-free a livello di giocatori, ma il virus è comunque entrato a Casteldebole colpendo Mihajlovic. Il triste record di positivi è del Genoa (ben 18), ma a causa del rinvio della sfida dei rossoblù con il Torino e degli impegni in Champions dei nerazzurri, è l’Inter la squadra che ha sommato più assenze causa virus: ben 28. La Roma ha giocato il numero più alto di partite con almeno un indisponibile per tampone positivo (ben 11: 7 in A e 4 in Europa League), ma limitatamente al campionato il mesto primato è del Sassuolo che in tutte le giornate ha avuto almeno un caso di positività. E’ abbastanza curioso che la partita della discordia, il famoso Juve-Napoli del 3-0 a tavolino, abbia coinvolto due club non particolarmente colpiti: Pirlo ha perso quasi in contemporanea Ronaldo e McKennie, Gattuso finora ha dovuto rinunciare solo a quattro elementi. La Lazio, invece, ha fatto a meno di tanti titolari: Immobile, Strakosha, Luis Alberto, Milinkovic, Leiva, Lazzari". 

La conclusione finale, però, è che "Il Covid può destabilizzare una squadra se la colpisce in modo ampio come accaduto al Genoa, altrimenti offre quasi un test di affidabilità al gruppo. Pioli ha dato conoscenze a tutto il Milan e un paio di assenze adesso non generano alcuna preoccupazione a differenza di quanto accadeva solo pochi mesi fa. Se la curva dei contagi in Serie A continuerà su questa falsariga, ovviamente si potrà parlare di campionato condizionato ma non certo falsato. I valori in qualche modo vengono sempre a galla e non c’è nessuno che in questo momento possa ritenere ingiusto il primato del Milan".

Questa la conta dei casi di giocatori, squadra per squadra:
ATALANTA - 7

BENEVENTO - 4

CAGLIARI - 8

CROTONE -  3

FIORENTINA - 2

GENOA - 18

INTER - 10

JUVENTUS - 2

LAZIO - 10

MILAN - 6

NAPOLI - 4

PARMA - 8

ROMA - 11

SAMPDORIA - 1

SASSUOLO - 5

SPEZIA - 4

TORINO - 9

UDINESE - 4 (non comunicati)

VERONA - 3

BOLOGNA NESSUN CASO TRA I GIOCATORI

BIANCONERI IN TV

Conferenze stampa

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi