Home » Tre centravanti ma soltanto un gol

Tre centravanti ma soltanto un gol

La Gazzetta dello sport punta i riflettori sul problema del gol, che attanaglia il Cagliari in particolare dalle ultime 5 partite.
Monica Tosolini

La Gazzetta dello sport punta i riflettori sul problema del gol, che attanaglia il Cagliari in particolare dalle ultime 5 partite. “L’attacco del Cagliari gira ma fatica a mettersi in marcia con continuità. Nelle ultime cinque partite Di Francesco ha giocato con tre diversi centravanti titolari. Simeone contro la Juventus, Pavoletti contro Spezia, Verona e Inter, e Cerri a Parma. Cinque sfide, zero vittorie e un solo gol, quello del Pavo, di tacco, nel 2-2 alla Sardegna Arena contro lo Spezia. In due occasioni, contro i bianconeri a Torino e contro i gialloblù di Liverani, i rossoblù sono rimasti a secco. Considerando il rendimento delle ultime cinque partite di Serie A la squadra del Di Fra sarebbe diciassettesima con tre punti raccolti. Peggio, con due punti nelle recenti cinque giornate di campionato, fanno solo Genoa e Fiorentina, e Torino con un punto. Il Cagliari ha bisogno di una svolta contro l’Udinese e Di Francesco chiede ai suoi attaccanti di trascinare la squadra nuovamente alla vittoria. Che manca dal 7 novembre, 2-0 in casa contro la Sampdoria”.

La scelta della prima punta, anche in vista dell’Udinese, è tra Cerri, Pavoletti e Simeone. Vanno fatte alcune riflessioni, una su tutte: “A soffrire la girandola del numero 9 è anche Joao Pedro. D’Artagnan di questa storia in chiave rossoblù che si unisce ai tre moschettieri Cerri, Pavoletti e Simeone. Il brasiliano, capitano e bomber rossoblù con sei centri in 12 partite giocate, ha realizzato una sola rete (allo Spezia) da quando la coppia con il Cholito Simeone si è divisa a causa della positività al virus dell’ex Fiorentina. Senza l’argentino JP10 è parso faticare di più nei movimenti offensivi. Simeone d’altronde è una prima punta atipica e fa del movimento perenne una delle sue armi di forza. Una corsa costante che apre tanti spazi per gli inserimenti di Joao. Che ormai, oltre che la classe del trequartista, ha inserito nel suo arco anche la presenza e la pericolosità in area degni di un ottimo centravanti. Lo dicono i numeri: 13 occasioni da gol create e 22 tiri da inizio stagione. Nessuno come, lui tra i rossoblù, per conclusioni verso la porta avversaria. Nelle ultime sfide dei sardi Joao Pedro è parso un po’ in calo fisico, anche perché non riposa quasi mai. Fin qui ha saltato solo 5 minuti a Torino. Ma acciacchi a parte è pronto a ricostruire la coppia gol con il Cholito”.

mediafriuli_white.png
©2023 UDINESEBLOG. Tutti i diritti riservati | IL FRIULI – P. IVA 01907840308
Powered by Rubidia