Home / Serie B / Brescia travolto a Bari. La Reggina sconfitta dal Modena

Brescia travolto a Bari. La Reggina sconfitta dal Modena

Il Genoa passa a Ferrara contro la Spal

Brescia travolto a Bari. La Reggina sconfitta dal Modena

Giornata incredibile in Serie B. Il Bari cancella completamente il Brescia e vince al San Nicola con il risultato di 6-2. Biancorossi che agganciano le rondinelle e i calabresi in vetta. Cade la Reggina a Modena0-1. Il Veneziarimonta e batte in trasferta il Cagliari (4-1). Successi importanti per Genoa, Parma e Südtirol, che sconfiggono Spal (2-0), Frosinone (2-1) e Palermo (1-0). Sorride anche la Ternana: 2-0 al Cittadella.

Spal-Genoa 0-2
Al Mazza di Ferrara il Genoa ottiene tre punti d’oro contro la Spal. La gara parte subito a ritmi incredibili: i ferraresi spingono e si avvicinano alla porta avversaria con il tiro di Zanellato. Il Genoa, però, sfiora la rete al 13’ con Yalcin: provvidenziale l’intervento con il piede di Alfonso. La gara si sblocca al 19’: Pajac mette in area un bel pallone, Coda raccoglie e scaglia la sfera in rete. 1-0 per i rossoblù. La squadra di Venturato fatica a trovare spazio e si va al riposo con il Genoa che conduce di misura.  Nella ripresa liguri che si avvicina al raddoppio con Yalcin. Ferraresi che trovano il pari  con Zanellato, ma il giocatore è in posizione di fuorigioco. Spal che rimane in inferiori numerica al 78’ per il rosso a Meccariello e il Genoa ne approfitta trovando il raddoppio esattamente dieci minuti dopo con Gudmundsson che chiude la partita e regala i tre punti alla squadra di Blessin. 

Bari-Brescia 6-2

Vittoria straripante per il Bari che vince anche contro il Brescia e aggancia i lombardi in vetta a quota 15 punti. I pugliesi partono subito forte: Bellomo batte una punizione potente sul secondo palo, Folorunsho insacca di testa, ed è 1-0 al 7'. Rondinelle che sembrano trovare la reazione giusta con Bisoli che sfiora la rete del pareggio e obbliga i galletti a rimanere nella propria metá campo. Padroni di casa che provano a sfruttare i palloni in verticale per le proprie punte e al 26’ trovano il raddoppio: Bellomo da due passi insacca in rete il pallone ricevuto da Cheddira. Al 37’ i lombardi accorciano le distanze con Ayé: ma Feliciani prima conferma e poi annulla per fuorigioco grazie al VAR. Un Bari decisamente cinico sfrutta al meglio le poche occasioni avute e al 43’ trova la terza rete con il solito Walid Cheddira. La ripresa si apre con la doppietta dell’attaccante marocchino dei padroni di casa: la punta sfrutta una piccola indecisione di Papetti e supera Lezzerini. Brescia in netta difficoltá. Le emozioni non sono finite qui perché al 68’ arriva anche la quinta rete per i biancorossi con Antenucci. Scheidler trova anche il 6-0 al 77’. A nulla servono le reti della gloria per le rondinelle all’86’ e 91’ di Olzer e Moreo. Bari che sale in vetta alla classifica a 15 punti.

Cagliari-Venezia 1-4
Pareggiano Cagliari e Venezia, dopo una partita vibrante: i sardi vanno in vantaggio e vengono ripresi a inizio secondo tempo. Partono forte i lagunari che costruiscono e sprecano: ottimo il salvataggio Radunovic su Novakovich. Al 24’ é il palo colpito da Pohjanpalo a negare il vantaggio agli arancioneroverdi. La squadra di Liverani è brava a sfruttare le poche occasioni arrivate e al 38’ Mancosu sblocca la partita con una punizione dal limite. Si va negli spogliatoi con i padroni di casa in avanti 1-0. Al rientro il vantaggio dei sardi dura poco: Zappa sbaglia e concede l’angolo ai lagunari,  Pohjanpalo colpisce e mette in rete. L'1-1 fa scatenare il Venezia che nel giro di due minuti ribalta la gara con la doppietta di Cheryshev (64’ e 66’). Arancioneroverdi che trovano anche il poker: Cheryshev apre in verticale per Haps che di sinistro batte Radunovic. Tre punti d’oro per il Venezia.

Cittadella-Ternana 0-2
Finisce con la vittoria per 2-0 della Ternana sul Cittadella e terza vittoria consecutiva. Un primo tempo molto equilibrato, dov’è entrambe le squadre si studiano e cercano di trovare la rete che può sbloccare la partita. A sbloccare la situazione é un tiro al limite di Palumbo al 34' che sfrutta il pallone ricevuto. La ripresa si apre con il tentativo al 58’ di Varela che conclude da posizione defilata, Iannarilli si oppone in tuffo. La Ternana prova a cercare il raddoppio portandosi in più occasioni vicino all’area avversaria. Rete che arriva nei minuti di recupero con Coulibaly che di destro al volo batte Kastrati. Ternana che al triplice fischio sorride.

Modena-Reggina 1-0
La Reggina cade nella trasferta emiliana, sconfitto dal Modena 1-0. In una gara bloccata tatticamente soprattutto nella prima frazione, molto tattica dove non si vedono molte occasioni da gol. L'occasione più importante al 6' con Di Chiara che trova la rete: l'arbitro Mercenaro annulla per fuorigioco. Risultato fermo sullo 0-0.. Al rientro in cambio, invece, la situazione cambia completamente: al 64’ a sbloccare l’equilibrio a favore dei padroni di casa è Diaw. Gialloblù in vantaggio al Braglia. La formazione di Inzgahi prova a trovare la reazione e nel finale prima Menez e poi Ciccirelli si avvicinano al pareggio. All’86’ Santander tira fuori dal cilindro una conclusione forte e precisa: gioia del gol negata da una parata sensazionale di Gagno. Al triplice fischio finale esulta il Modena. 

Palermo-Südtirol 0-1
Il Südtirol ottiene una vittoria preziosissima al Barbera, e risale piano piano la classifica della Serie B: il Palermo viene sconfitto 1-0. Gli altoatesini spingono in avvio, e si rendono pericolosi con il colpo di testa di Tait, che da ottima posizione tira troppo centrale. Risponde il Palermo con Di Mariano che impegna Poluzzi. Gli ospiti continuano a spingere e Mazzocchi impegna il portiere di casa. Ecco che la gara si sblocca al 20’: Odogwu sfrutta un errore in disimpegno di Pigliacelli e sigla l'1-0. Inizia così l'assedio del Südtirol. Al rientro i padroni di casa assediano la metà campo avversaria alla ricerca del pareggio, che però non arriva. Altoatesini che salgono così a dieci punti. 

Parma-Frosinone 2-1
Primo tempo intenso con la squadra di Fabio Grosso che si avvicina al vantaggio:  Buffon è prodigioso in uscita su Mulattieri allontanando la palla, Garritano arriva prima di tutti e sbaglia p, clamorosamente, un rigore in movimento. Ducali che faticano a trovare spazi, con il Frosinone che si chiude bene. Gialloblù che si rendono  pericolosi con il colpo di testa di Inglese, rispondono immediatamente gli ospiti con Ravanelli. La rete che sblocca la partita arriva al 46': Tutino dal dischetto non fallisce e spiazza Turati. Al rientro in campo i padroni di casa spingono e al 51’ Dionisi indica il dischetto per un fallo di mano in area di Frabotta. Dal dischetto va Man che raddoppia 2-0. Turati ci arriva ma il tiro è troppo potente. Gara che si riapre nel finale, quando all’81’ Moro accorcia le distanze. 

Perugia-Pisa 3-1
Al Renato Curi arriva una sconfitta per il Perugia contro il Pisa. Gli umbri del nuovo tecnico Baldini cadono 3-1 contro i toscani che trovano la prima vittoria dopo il ritorno di D’Angelo in panchina. Gara che si sblocca immediatamente: al 4’ Gliozzi colpisce di testa il cross ricevuto da Nagy e beffa Gori, portando in vantaggio i suoi. Una doccia fredda per i padroni di casa che non riescono a trovare una reazione, al contrario a trascinare il Pisa é il bomber nerazzurro che impegna in diverse occasioni Gori insieme al compagno di squadra Tramoni. Al 30’ è il palo a negare la gioia della doppietta a Gliozzi. Il legno colpito dagli avversari sembra dare la scossa al Perugia che si affaccia nell’area avversaria con Di Carmine, qui chiude bene Nicolas ed evita il pareggio degli avversari. Occasioni per entrambe le squadre nella ripresa: Jureskin sbaglia il controllo in area e si fa recuperare da Sgarbi, Angella di testa non inquadra lo specchio della porta. Il vantaggio del Pisa viene protetto da Beruatto: il giocatore neroazzurro mura il tiro di Olivieri salvando il risultato. Il Perugia spinge a caccia del gol e lo trova all’83': angolo di Bartolomei, svetta Angella che fa da torre per Di Carmine che non sbaglia e mette la palla alle spalle di Nicolas. I nerazzurri, però, non mollano e ritrovano il vantaggio grazie al rigore segnato da Gliozzi all’83. Nei minuti di recupero segna anche Toure e al triplice fischio il Pisa e D’Angelo possono esultare per i primi tre punti della stagione.

Conferenze stampa

Vita da Club

Primavera e giovanili

I cugini di Gran Bretagna

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio