Home / Rassegna stampa / Messaggero Veneto: L'Udinese deve lavorare anche sulla testa

Messaggero Veneto: L'Udinese deve lavorare anche sulla testa

Marcolin: "E' bastato un errore per vederla insicura"

Messaggero Veneto: L\u0027Udinese deve lavorare anche sulla testa

L'ex centrocampista Dario Marcolin, commentatore tecnico per Dazn in FIorentina-Udinese, ha spiegato al Messaggero Veneto alcuni concetti emersi da quella gara: "Sono sincero, quando ho letto la formazione con le due punte e De Paul in mediana mi sono incuriosito e poi sono rimasto prima sorpreso, perché il 3-5-2 era offensivo, e poi un po' rammaricato perché a fronte dell'ottima partita fatta nel primo tempo, è subentrata un po' di insicurezza dopo l'errore sul retropassaggio di Ekong".

Aspetti positivi di questa Udinese? "Solidità, fisicità e tattica. La squadra è tosta, ben messa in campo e nel primo tempo ha proprio fatto la partita che doveva fare lasciando zero metri a Chiesa e Ribery. La squadra ha struttura, è stata compatta e la fase difensiva è stata eccellente".

Il difetto più evidente? "Il mancato apporto dei centrocampisti interni. Mandragora è sembrato molto bloccato e in generale i centrocampisti devono accompagnare di più l'azione in questo sistema. Conte a Torino vinse lo scudetto con il 3-5-2 e aveva due interni come Vidal e Marchisio che arrivavano sempre dentro l'area di rigore avversaria, e anche quando giochi in trasferta devi essere incisivo con gli interni. Poi dopo l'errore di Ekong ci sono stati più errori individuali che tattici e da lì ì cominciata un'altra partita, e l'Udinese è sembrata più preoccupata e meno propensa a provarci".

De Paul non in giornata? "La cosa più bella l'ha fatta dopo tre minuti presentandosi col taglio in diagonale davanti a Dragowski, ma resto dell'idea che dove agisce non è nel vivo del gioco. Rodrigo va sfruttato, lo devi mettere centrale dietro le punte e molto deve passare dai suoi piedi. Domenica ha giocato sotto la panchina di Montella nel primo tempo, ma da rifinitore a sinistra è fuori dalla zona calda".

Giudizio su Okaka e Nestorovski? "Secondo me la coppia ideale è Okaka-Lasagna, con l'azzurro che attacca la profondità alle spalle di Stefano. Quanto a Nestorovski, quello che abbiamo visto è troppo poco".

Un cambio modulo? Per Marcolin con De Paul centrale si potrebbe fare il 3-4-1-2. Salvezza? L'Udinese, ha concluso, ha qualità superiore alle altre.

BIANCONERI IN TV

Interviste esclusive

Vita da Club

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi

Primavera e giovanili