Home / Rassegna stampa / Gazzetta dello sport: Samardzic, il gioiello tedesco che ha detto no alla Champions per crescere con l'Udinese

Gazzetta dello sport: Samardzic, il gioiello tedesco che ha detto no alla Champions per crescere con l'Udinese

Ha lasciato il Lipsia e rinunciato alle big d'Europa peri bianconeri

Gazzetta dello sport: Samardzic, il gioiello tedesco che ha detto no alla Champions per crescere con l\u0027Udinese

Lazar Samardzic è il personaggio del momento in casa Udinese. Il gol che ha realizzato a La Spezia e che ha dato il successo ai bianconeri ha acceso i riflettori su di lui. La Gazzetta dello sport gli ha dedicato un articolo: "Prima dell’Udinese, quando giocava nell’Hertha, avrebbero provato ad acquistarlo – secondo quanto raccontano le cronache del calciomercato – Bayern Monaco, Atletico Madrid, Manchester City (dove gioca il suo idolo, Kevin De Bruyne), Barcellona e pure le italiane Juventus e Milan. Ai tempi la spuntò il Lipsia, ma nell’estate scorsa il ragazzo ha scelto il Friuli, legandosi al club dei Pozzo a titolo definitivo fino al 30 giugno del 2026. Come mai ha deciso di lasciare un club da Champions per una realtà che non partecipa alle coppe? Perché sapeva che a Udine sarebbe stato seguito maggiormente – come è capitato in passato ad altri suoi colleghi –, con una società consapevole del fatto di avere tra le mani un talento prezioso.

Quello che impressiona maggiormente di Samardzic, ascoltando chi lo osserva ogni giorno, è la determinazione. Rispetto ai suoi coetanei dimostra di essere molto più maturo, focalizzato sul diventare a tutti i costi un giocatore di alto livello".

Sono già diversi gli episodi che provano la determinazione e la maturità del ragazzo. Uno lo ha svelato Gotti domenica, raccontando che durante la pausa per le nazionali ha chiesto al suo ct di non essere convocato per rimanere a Udine ad imparare e inserirsi meglio. Prima ancora, appena arrivato, ha dato la sua disponibilità a scendere in campo già il giorno dopo aver messo piede per la prima volta a Udine. E poi.. ha dretta di imparare l'italiano, per ambientarsi meglio e comprendere meglio le richieste dell'allenatore. Scrive la rosea: "Gotti ha concesso riposo fino ad oggi dopo il successo dell’ultima gara e ieri il numero 24 avrebbe potuto godere a pieno del giorno libero, ma ha scelto di frequentare lo stesso le lezioni d’italiano, previste con una cadenza di tre volte a settimana. «E’ stata una delle prime cose che ci ha chiesto – hanno rivelato dalla società –, di avere la possibilità di imparare la lingua prima possibile». Ragionando secondo luoghi comuni, una mentalità da vero tedesco per quello che riguarda l’approccio scientifico al lavoro. Il centrocampista teneva anche a sistemarsi subito per quello che riguarda l’abitazione. Come quasi tutti i nuovi acquisti, ha scelto di prendere casa in centro città, per vivere fino in fondo la realtà di Udine e capire di persona l’effetto che fa. Un altro indizio di quanto tenga a entrare nelle viscere del Friuli, per poter dare così il meglio di sé. A La Spezia lo ha dato. In otto minuti.."

BIANCONERI IN TV

Conferenze stampa

Interviste esclusive

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi