Home / Notizie varie / L'Udinese si adatta: difesa a quattro contro il tridente giallorosso

L'Udinese si adatta: difesa a quattro contro il tridente giallorosso

Guidolin non andrà all'Olimpico per osare, ma costruirà un'Udinese accorta: l'obiettivo rimane la salvezza

L\u0027Udinese si adatta: difesa a quattro contro il tridente giallorosso

Lunedì sera all'Olimpico, l'Udinese festeggerà la gara numero 1.400 in serie A a girone unico. In 39 partite disputate a Roma solo 6 le vittorie dell’Udinese. Partiamo con i numeri per arrivare alla sfida contro la squadra di Garcia, apparentemente difficilissima, ma siccome i numeri vanno rispettati, c'è anche spazio per l'ottimismo. Perché un traguardo prestigioso come le 1400 gare in Serie A vanno onorate e festeggiate, perché la tradizione negativa contro la Roma non può diventare una costante.

Servirà a poco, d'accordo, ma di questi tempi serve trovare motivazioni anche dalle piccole cose. E, poi, diciamolo: l'Udinese deve farsi perdonare una stagione incolore, per cui ha l'obbligo di regalare almeno qualche soddisfazione prendendo lo scalpo di qualche big.

E, siccome contro le cosiddette grandi, i bianconeri hanno sempre offerto buone prestazioni, la speranza cresce.

L'altalena fin qui mostrata, infine, deve essere fermata altrimenti tutte le parole spese per autolebrarsi dopo la vittoria col Milan cadrebbero nel nulla.

A dire il vero Guidolin non ha celebrato nulla, come il suo solito: il tecnico vola basso e pensa alla salvezza distante 9 punti in teoria, molti meno in pratica. Ci sarebbe spazio per sperimentare e per osare, ma nelle corde dell'allenatore c'è solo l'umiltà. Francesco di nome e di fatto, qualcuno sostiene maliziosamente: di certo contro il tridente che Garcia proporrà, Guidolin non andrà a testa bassa in avanti.  La prima regola dell'allenatore è adattarsi all'avversario, non stupirlo. Lo ha confermato anche dopo il Cagliari, quando per giustificare la difesa a tre con Naldo, ha spiegato che i sardi imponevano quel modulo.

Così all'Olimpico va prendendo forma la difesa a quattro, che non è una conferma di quella vista col MIlan, ma solo l'adattamento al gioco della Roma che proporrà Totti, Gervinho e Florenzi.

Per cui Basta sarà arretrato sulla linea difensiva, con Heurtaux, Danilo e Domizzi a completare il reparto davanti a Scuffet. 

La probabile assenza di Silva costringerà a proporre l'ex laziale terzino in fase di non possesso, ruolo già svolto però in passato.

In mediana Badu, Allan e Pinzi, trequartisti Nico Lopez e Pereyra. Davanti Di Natale.

Guidolin in questi giorni ha provato molto questa soluzione, vedremo se alla fine però opterà lo stesso per il 3-5-1-1 classico...

 

 

Articoli correlati

Conferenze stampa

Vita da Club

I cugini di Gran Bretagna

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi