Home / Notizie varie / L'ex spettacolo più bello dopo il Big Bang

L'ex spettacolo più bello dopo il Big Bang

Forse Guidolin a Firenze era distratto dalla costruzione del futuro annunciata

L\u0027ex spettacolo più bello dopo il Big Bang

C’era una volta il più bello spettacolo dopo il Big Bang, oggi l’Udinese è si e no il il Big Bang nel senso che la squadra è proprio scoppiata. La domenica bianconera doveva essere spumeggiante e frizzante, tanto non c’era nulla più da chiedere se non questo a salvezza ottenuta. Invece la squadra di Guidolin appare sempre impaurita, appiattita su un modo di stare in campo che non sembra proprio riuscire a sfruttare il potenziale offensivo, imbottita di mediani e di trequartisti che prima di tutto devono pensare a difendere.

Guidolin ha affermato che con Pozzo ha parlato del futuro: viene da chiedersi che cosa si saranno detti, visto che con la permanenza del tecnico prima di pensare ai giocatori servirà dare vivacità all’allenatore e alle sue idee. Che abbiano portato risultati in passato è innegabile, ma quando la squadra ha perso qualità non è stato capace di trovare soluzioni al ‘difendiamoci e speriamo nel contropiede giusto’, sempre che non segnino gli altri come spesso è avvenuto in questa stagione.

Proprio Pozzo dopo la vittoria (soffertissima) sul Catania chiedeva di voltare pagina, scoprendo però che a Firenze i capitoli si ripetono all’infinito.

Ora chiedersi se questa squadra arriverà al 13° o al 12° posto, oppure rimarrà quattordicesima è presto per dirlo: certo che come prospettiva per le prossime sei giornate è deprimente. Perché, sinceramente, ci si attendeva di più: non per il risultato, ma per il coraggio, l’altruismo, la fantasia, le qualità decantate da De Gregori per Bruno Conti, ma che in questa squadra nessuno sembra avere. E se mancano, manca il gruppo. E l’allenatore, soprattutto, sembra non essere ancora mai riuscito a porvi rimedio con qualche soluzione innovativa.

Insomma, sembra già che molti a Udine siano proiettati sul mercato: Muriel rimarrà? Pereyra dove andrà? Basta ha già firmato per qualcuno? E via dicendo. Non è molto edificante sapere che ci sarà una rivoluzione e non è nemmeno edificante sapere che non si sta iniziando nemmeno a seminare qualche nuova pianta che possa dare frutti. 

Si spera solo che il tempo spieghi che ci sbagliamo, che il più bel spettacolo dopo il Big Bang ha ancora qualcosa da dire e che Guidolin a Firenze sia stato distratto dalla costruzione del futuro assieme a Pozzo.

Articoli correlati

BIANCONERI IN TV

Interviste esclusive

I cugini di Gran Bretagna

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi