Home / Notizie dalle altre squadre / Tuttosport: Musso da urlo

Tuttosport: Musso da urlo

Dea, hai speso benissimo quei 20 milioni

Tuttosport: Musso da urlo

Tuttosport celebra oggi Juan Musso, l'ex portiere dell'Udinese che è stato protagonista in Champions con l'Atalanta. "Sul campo del Villarreal l'Atalanta ha disputato una grande partita, i nerazzurri avrebbero potuto anche ottenere l'intera posta in palio ma anche uscire a mani vuote dall'Estadio de la Ceramica: se questo non è successo è in anche merito delle straordinarie parate di Juan Musso . L'estremo difensore argentino si è reso protagonista di tre interventi davvero superlativi, il Villarreal ha cercato di capitalizzare al massimo gli errori individuali dei giocatori nerazzurri ma il personale duello del portiere atalantino con il numero 7 dei padroni di casa, Gerard Moreno . Due volte nella prima frazione di gioco, prima con un sinistro ravvicinato e poi con un colpo di tesa su punizione di Parejo , e poi all'ultimo respiro della gara (minuto 93'), il forte attaccante spagnolo si è trovato di fronte un autentico muro di gomma che con balzi da felino ha sempre detto di noi all'avversario. Rivedendo i replay, le parate di Musso hanno un coefficiente di difficoltà decisamente elevato e un po' tutti gli osservatori, che si tratti di tifosi o di addetti ai lavori, sono d'accordo: prestazioni di questo livello spiegano molto bene perché il grande investimento fatto dall'Atalanta per acquistarlo dall'Udinese abbia precise motivazioni tecniche. Dal punto di vista strategico, infatti, l'acquisto del portiere dell'Argentina da parte dei bergamaschi ha rappresentato una novità assoluta. Non era mai successo prima di vedere la Dea investire una somma così ingente (20 milioni di euro, cash) per un portiere e invece l'amministratore delegato Luca Percassi ha trattato direttamente con il patron dell'Udinese Pozzo un acquisto che è stato concluso nel giro di poche ore. Il tecnico Gasperini aveva già detto in tempi non sospetti che l'Atalanta tra i pali poteva migliorare, Musso è arrivato a Bergamo lo scorso 29 giugno e in quel momento Gollini (l'ex titolare) era ancora in rosa. All'indomani della super prestazione del numero 1 dei bergamaschi contro il Villarreal, lo stupore per un investimento tanto importante ha lasciato il posto alla consapevolezza che questo ragazzo può davvero diventare un fattore per la squadra orobica. Il concetto è semplice: l'Atalanta gioca a tutto campo e spesso presta il fianco a contropiedi e infilate in verticale, pensare di chiudere a doppia mandata la propria porta è quasi impossibile e allora si punta tutto sulla capacità del nuovo portiere di essere decisivo quando viene chiamato in causa. Sul piano tecnico, c’è un altro particolare che fa riflettere. Gasperini chiede ai suoi portieri di provare anche ad impostare con i piedi, nella ripresa della gara con il Villarreal Musso ha cercato l’alleggerimento verso le fasce in alcune occasioni e dopo un errore di misura si è preso gli applausi sia dei compagni che dello stesso tecnico di Grugliasco. L’errore può sempre capitare ma l’importante è continuare a provarci: se cresce anche con i piedi, visto quello che sa fare con le mani, l’Atalanta è realmente in una botte di ferro".

BIANCONERI IN TV

Conferenze stampa

Interviste esclusive

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi