Home / Notizie dalle altre squadre / Napoli, contestazione ultras

Napoli, contestazione ultras

'Rispetto! Calciatori mercenari siete voi

Napoli, contestazione ultras

Alta tensione fuori dallo stadio San Paolo prima dell'allenamento del Napoli aperto agli abbonati, All'esterno della rampa esterna d'accesso all'impianto è scoppiata la rabbia di circa 150 ultrà, che contestano la squadra di Ancelotti dopo l'ammutinamento al termine gara di Champions League contro il Salisburgo e la decisione di tornare a casa rompendo il ritiro. Uno striscione con la scritta "Rispetto!" è stato srotolato davanti al varco da cui entrano i calciatori. Tra i cori di contestazione intonati i più gettonati sono 'Meritiamo di piu'' e 'Calciatori mercenari siete voi'.

Gli ultras intonano i cori "Solo la maglia" e "Mettete in campo la primavera". Vengono lanciati fumogeni e bombe carta. Nel mirino soprattutto i giocatori ma non viene risparmiato neppure il presidente De Laurentiis a cominciare dal classico "Stai vincendo solo tu" che e' ormai un refrain al San Paolo da anni. Il gruppo di contestatori si è poi spostato lungo il perimetro dello stadio, sorvegliato da un imponente schieramento di forze dell'ordine. I giocatori del Napoli sono poi arrivati al San Paolo ognuno a bordo della propria auto o con dei taxi, entrando direttamente nello stadio senza fermarsi.

L'allenamento è iniziato tra fischi e urla di contestazione da parte di un centinaio di tifosi. A quanto si apprende da testimoni sugli spalti del San Paolo, i giocatori sono entrati sul terreno di gioco senza rivolgere un saluto ai tifosi. Durante l'allenamento, a ogni tocco di palla di Insigne, Mertens, Callejon partono fischi e urla "vai via, vai via".

BIANCONERI IN TV

Interviste esclusive

Vita da Club

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi

Primavera e giovanili