Home / L’opinione / Tra alti e bassi, sperando nel trend degli ultimi anni

Tra alti e bassi, sperando nel trend degli ultimi anni

L'Udinese cerca la sua identità, intanto i precedenti sono confortanti

Tra alti e bassi, sperando nel trend degli ultimi anni

L’inizio di campionato dell’Udinese è costellato di alti e bassi, mentre Guidolin predica - come sempre - concretezza: “Guardiamoci alle spalle, che è meglio”, ha affermato la scorsa settimana.

Ma come sono andati i campionati scorsi con il tecnico di Castelfranco in sella e, soprattutto, come si sono sviluppati?

Nel 2010-11 alla sesta giornata i punti erano stati solamente 4, con una netta ripresa nel resto del girone con altri 23 punti incamerati a gennaio, per un totale di 27 al termine dell’andata. Nel ritorno, i bianconeri presero subito lo scalpo di Inter (in casa) e Juve (a Torino). Alla 27a altri 20 punti incamerati (tra i risultati ricordiamo il 7-0 inflitto al Palermo) e alla fine del campionato quarto posto con 66 punti complessivi. C’è da notare che il calendario non presentava senza cicli di partite particolarmente difficili.

Il 2011-12 comincia con il rinvio del campionato, causa sciopero dei calciatori, così la gara con la Juve viene spostata a dicembre. Alla sesta giornata, con una partita in meno, i punti erano però addirittura a 11, ottenuti con vittorie importanti su Milan e Fiorentina. Al termine del girone d’andata i bianconeri ne conquistarono altri 29, portandosi a 40. Un exploit capitalizzato nel ritorno, dove ci fu stato un netto rallentamento fino alla 27a giornata, quando l’Udinese ne aveva raccolti solo altri 5. Nel finale lo sprint, con altri 18 punti e il terzo posto finale.

L’anno scorso la squadra di Guidolin cominciò col botto, incontrando subito le cosiddette ‘big’. Sei punti alla sesta, altri 21 fino al termine dell’andata, però con molte partite incolori. Nel ritorno la musica non cambia: alla 27ma giornata solamente altri 13 in cascina, poi lo sprint finale con 29 punti (frutto anche di otto vittorie finali consecutive), che hanno consentito ai friulani di ottenere il quinto posto.

Oggi, alla settimai punti sono 10, il gioco non convince e, soprattutto, le sfide con le grandi devono ancora arrivare. La speranza è che si ricalchi il trend degli ultmi anni.

Articoli correlati

BIANCONERI IN TV

Interviste esclusive

I cugini di Gran Bretagna

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi