Home / L’opinione / Internazionale Udinese

Internazionale Udinese

L'indole societaria rimane quella di investire all'estero, ma Guidolin stenta a lanciare alcuni 'giovani'

Internazionale Udinese

Internazionale udinese. No, non è la notizia di una clamorosa fusione tra la squadra meneghina e quella friulana. E’ semplicemente la constatazione che il club di Piazzale Argentina è oramai una multimnazionale consolidata, che si riflete in campo. La holdinhg bianconera, infatti, si manifesta in tutta la sua potenzialità con il quasi il 70 per cento di stranieri in rosa.
Un’indole, quella di investire all’estero, nata fin dagli albori della storia societaria, se si pensa che dal 1920 al 1937 la squadra  stata guidata da ben 12 tecnici stranieri.

Ma la vera rivoluzione arriva però nel 1995 dopo l’entrata in vigore della ‘Legge Bosman’: da allora sono approdati in Friuli quasi 200 stranieri. La rosa è divenuta sempre più cosmopolìta. L’anno scorso si è toccato il 64 per cento di incidenza, l’anno prima il 62, una media mantenuta sempre in questi dieci anni.

Oggi gli italiani in  rosa sono solamente Scuffet, Benussi, Rovini Domizzi, Pinzi, Di Natale, Lazzari, ma solo questi ultimi quattro sono titolari. 

E se la scuola africana ha portato complessivamente  il 42  per cento dei calciatori in rosa, oggi c’è da registrare un boom di sudamericani: complessivamente nella sua storia sono stati il 60 per cento, ma attualmente solamente i brasiliani in squadra sono ben otto. Il tutto mentre calano vistosamente gli europei. Negli ultimi anni gli investimenti nel vecchio continente hanno portato solo il 14 per cento degli stranieri complessivi.

Insomma, le fortune bianconere passano attraverso questa politica, economicamente corretta, ma legata sempre a una considerazione: le scommesse fatte fin qui hanno prodotto - statisticamente - un solo straniero affermarsi su dieci. Numeri, questi, indicativi.

Specie se si abbinano all’indole di Guidolin di affidarsi all’usato sicuro, attendendo tempi migliori per lanciare in mischia  quelli che vengono considerati (solo anagrafocamente) giovani come Fernandes, Jadson, Nico Lopez.

BIANCONERI IN TV

Interviste esclusive

I cugini di Gran Bretagna

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi