Home / L’opinione / Diritti Tv: l'Udinese, con Infront, nella battaglia della Lega

Diritti Tv: l'Udinese, con Infront, nella battaglia della Lega

In Via Rossellini inizia la discussione (accesa) sui nuovi diritti televisivi in partenza dal 2015

Diritti Tv: l\u0027Udinese, con Infront, nella battaglia della Lega

E' oramai guerra aperta in lega per i nuovi diritti Tv. La spaccatura è avvenuta già nei giorni scorsi, quando Juventus, Inter, Roma, Fiorentina, Sampdoria, Verona e Sassuolo hanno inviato una lettera in Via Rossellini dove si mette in discussione il ruolo di Infront, l'attuale advisor che vende i diritti calcistici per conto dei club, tra i quali l'Udinese. Le sette squadre vogiono capire perché devono pagare una sorta di commissione a Infront (di circa 30 milioni all'anno), visto che è mandatario unico per la vendita dei diritti tv. I soldi, dunque, come sempre, sono oggetto di scontro e nell'assemblea di Lega di oggi se ne parlerà a lungo.

Le società chiedono di introdurre il metodo inglese, è questo l'obiettivo finale.
COM'E' IL MODELLO INGLESE

Prendendo d'esempio il campionato scorso si avrebbe una quota fissa di circa 20 milioni di euro per ogni società più una serie di bonus legati ai posticipi, alla posizione in campionato e alla cessione dei diritti all'estero che sarebbe un'ulteriore quota fissa di 6 milioni di euro.  Il metodo inglese darebbe però tantissimo ossigeno alle squadre più piccole: il Pescara, tanto epr fare un esempio, che ha incassato 24 milioni di euro, ne porterebbe a casa 36, il Siena ne avrebbe ricevuti 40 invece di 27. Ecco le differenze tra l'attuale modello italiano per la divisione dei diritti tv e come sarebbe stata la ripartizione con il modello inglese.

Guadagni stagionali:*

Juventus 104, Milan 87, Inter 87, Napoli 65, Roma 65, Lazio 52, Fiorentina 45, Udinese 41, Palermo 38, Sampdoria 37, Genoa 36, Bologna 36, Cagliari 35, Atalanta 35, Torino 34, Catania 34, Parma 32, Chievo 29, Siena 27, Pescara 24.

Come sarebbero gli introiti di questa stagione con il modello Premier League:*

Juventus 65, Milan 61, Inter 56, Napoli 57,Udinese 57,  Lazio 56, Roma 54, Fiorentina 47, Parma 46, Bologna 45, Chievo 44, Catania 43, Atalanta 42, Palermo 41, Siena 40, Genoa 39, Cagliari 39, Sampdoria 38, Pescara 36,Torino 35,

*le cifre indicate si riferiscono ai milioni di euro

 

Si capisce bene perché si vuole cambiare. Infront, che ha appena stipulato un contratto con il club di Piazzale Argentina, ha sotto la sua ala anche squadre come  Milan, Lazio, Cagliari e Genoa.

La spaccatura c'è, i club andranno avanti. Ma come si evince dalla ripartizione del 'modello inglese', l'Udinese, comunque, vada cadrebbe in piedi. a meno che tra i litiganti, non subentri un terzo incomodo: Al Jazeera, la cui ombra aleggia sugli uffici della Lega da tempo. In quel caso solo le cosiddette 'big' avrebbero da guadagnarci.
Insomma, quella dei diritti tv è una guerra aperta, con molte sfumature, dove le alleanze non sono, in fin dei conti, così rigide. 

Articoli correlati

BIANCONERI IN TV

Interviste esclusive

I cugini di Gran Bretagna

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi