Home / L’opinione / A Milano l'Udinese deve stare molto attenta (di G. Turci)

A Milano l'Udinese deve stare molto attenta (di G. Turci)

L'ex portiere vede un Milan in difficoltà, ma questa deve essere una preoccupazione in più per l'Udinese

A Milano l\u0027Udinese deve stare molto attenta (di G. Turci)

4-2-3-1: non é una combinazione da tentare al Lotto, ma una suggestiva ipotesi di cambiamento all'Udinese che credo rimarrà tale. L'Udinese ha tantissimi trequartisti, gente brava che si esprime meglio lontano dalla porta, nello spazio. Muriel, che  può giocare in tantissimi ruoli, rimane più una punta. Questi elementi fanno pensare ad un possibile utilizzo del nuovo modulo sperimentato contro il Cagliari. Ovviamente la decisione finale spetta al mister. Per quanto mi riguarda, non credo però che scarterà a priori la possibilità di continuare a giocare con Maicosuel, Muriel e Totò. Secondo me, domenica, Guidolin ha solo fatto di necessità virtù, viste le non ottime condizioni di Muriel.

Ma siamo già in 'clima Milan'. Pozzo é ottimista, dice che l'Udinese si esalta contro le grandi. E' vero però che in questo momento i numeri dicono che questo Milan non é 'una grande'. La potenzialità c'è, ma i risultati non arrivano e in questo momento ha più che mai bisogno di fare punti. I problemi però sono molti per i rossoneri, a partire dalla difesa (una delle peggiori) e da una squadra poco compatta: le individualità sono i punti di riferimento, ma in questo momento ci sono troppe assenze importanti. Quindi anche se i numeri dicono che adesso non é una grande squadra, attenzione! Sfido chiunque a raggiungere l'eccellenza senza i 3 o 4 giocatori di maggiore qualità.

Questione San Siro. Sembra chiaro che la regola vada cambiata. Non possono pagare in 80mila per qualcosa che hanno fatto in 30/40 persone. Purtroppo però é vero che queste minoranze sono difficili da governare. Un gruppo sparuto di questi personaggi ci sarà sempre, ma non si può chiudere un intero impianto a causa loro. La cosa migliore é chiudere il settore dei colpevoli.

Comunque, secondo me, gli italiani non sono davvero razzisti: semplicemente utilizzano ciò che vedono per offendere e denigrare. E' più un 'beccare' l'altro.

Se San Siro rimarrà chiuso, immagino che non potrà incutere timore perché perderebbe pathos. Ma l'Udinese non ne trarrebbe vantaggio perché il Milan ha dalla sua una grande voglia di rivalsa. Il timore più grande per i bianconeri saranno gli avversari che scenderanno in campo.

BIANCONERI IN TV

Interviste esclusive

I cugini di Gran Bretagna

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi