Home / Interviste esclusive / Vista da Verona: pareggio giusto

Vista da Verona: pareggio giusto

La gara è stata simile a quella dell'andata

Vista da Verona: pareggio giusto

A seguire Udinese-Hellas per l'Arena di Verona c'era l'inviato Gianluca Tavellin (nella foto) che ha commentato così la partita a Telefriuli: "Ero venuto qui convinto di vedere questa partita, perchè di fatto ha ricalcato la gara dell'andata dove l'Udinese dalla grande forza fisica, grande musolarità e che difende molto bene (credo sia una delle squadre che difende meglio nel campionato italiano) chiaramente concede qualcosa in attacco, dove invece fa più fatica. Il Verona ad un certo punto si è anche innervosito perchè non gli venivano le solite azioni con le triangolazioni, con i tagli degli esterni che entrano e la prima punta, in questo caso Borini, che esce. Gli è riuscita solo all'inizio, con Zaccagni ed è stato molto bravo Musso a fargli perdere tempo. Ma due occasioni grosse le ha avuto il Verona, con il colpo di testa di Kumbulla parato da Musso e quella di Zaccagni, ma credo che alla fine il risultato di 0-0 sia stato quello più equo".

L'Udinese difende bene ma non riesce a segnare e adesso si trova di nuovo in piena lotta per la salvezza: "Questo sarebbe stato anche il campionato del Verona se non fossero esplosi determinati giocatori. Colpevolmente a volte noi cronisti non andiamo a vedere chi erano, perchè Amrabat in Belgio aveva già fatto parlare di sè e lo stesso Lazovic, con questo allenatore e un ambiente totalmente diverso da quello di Genova, ha trovato i vecchi splendori dei tempi della Stella Rossa. A Juric è stato dato un gruppo di ragazzi intelligenti, un complesso sano, che ha fame e adesso il Verona è meritatamente in quella posizione di classifica. Però penso che la lotta per la retrocessione sia ridotta solo a un punto perchè, a meno di clamorose sorprese, credo che Brescia e Spal siano già andate".

E le altre? "Lazovic diceva che si è alzata la quota salvezza. Ma si è anche abbassata quella dell'Europa League. Questo è un bellissimo campionato, un campionato che è reso bello dalla lotta al vertice, in cui poi in mezzo ci sono delle soprese (e una di queste è senza dubbio il Verona, ma anche il Cagliari) e bello dietro, perchè gli anni scorsi a questo punto due squadre erano già con un piede nella fossa e c'erano due squadre per l'ultimo posto".

L'Udinese, secondo te, dove si piazzerà? "Questa Udinese ha un allenatore molto in gamba, che cura benissimo la fase difensiva ed è un tecnico che sa motivare. I tifosi probabilmente vorrebbero vedere due tre gol di Lasagna, una progressione di Okaka o altre cose, ma credo che sia fondamentale saper rinunciare al calcio spettacolo per portare a casa il punto".

BIANCONERI IN TV

Conferenze stampa

Primavera e giovanili

Vita da Club

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi