Home / Interviste esclusive / Trombetta: Ci vuole ancora un po' di pazienza per vedere la vera Udinese

Trombetta: Ci vuole ancora un po' di pazienza per vedere la vera Udinese

L'ex bianconero a Telefriuli

Trombetta: Ci vuole ancora un po\u0027 di pazienza per vedere la vera Udinese

La vera Udinese s'ha ancora da vedere, secondo Maurizio Trombetta. L'ex membro dello staff di Allegri alla Juventus, a Telefriuli ha commentato questo inizio stagione dell'Udinese: "L'Udinese è ancora in fase di costruzione, si sta arrivando alla chiusura del cerchio ma è normale che, cambiando abbastanza ogni anno i giocatori,ci voglia del tempo. Nonostante le difficoltà iniziali, mi sembra si stia iniziando a trovare la quadra anche se ancora i risultati non sono soddisfacenti perchè sappiamo bene che la tranquillità bisogna guadagnarsela e bisogna avere ancora un attimo di pazienza".

L'Udinese deve ritrovarsi e deve ritrovare anche De Paul: "Assolutamente sì. E' il giocatore di maggiore qualità, che non sta rendendo per le sue possibilità in questo momento tra infortuni, ritardi di preparazione e distrazioni di mercato. Purtroppo questa è una caratteristiche di tante squadre, non solo le piccole come l'Udinese, in cui sono sempre state un problema le distrazioni di mercato. Posso dire che accadeva anche alla Juventus: il mercato incide, per cui bisogna dare del tempo per trovare il giusto equilibrio".

Pozzo ha detto che la squadra c'è. Quindi, da chi aspettarsi qualcosa di più? "E' lo zoccolo duro che deve dare sempre qualcosa di più. Il fatto che non possa contare su un maggior numero di giocatori italiani è una delle cose che può portare un po' di disagio nella conduzione della squadra per un allenatore. Penso che anche Tudor, che è straniero, abbia bisogno di una buona base per lavorare. Dico che bisogna contare sugli italiani. Conosco bene Mandragora e so che sarà e dovrà essere importante, nonostante la giovane età, Lasagna lo è stato ma purtroppo quando raggiungi la Nazionale dei contraccolpi, per quanto uno sia bravo, intelligente e maturo, ci sono sempre. Quindi dico che bisogna puntare sugli italiani e lo zoccolo duro, i giocatori che sono da più tempo a Udine".

Radio mercato suggeriva Lasagna come vice Lukaku all'Inter: "Da allenatore, meno sento parlare di mercato meglio sto. Ci sono già abbastanza problemi nella conduzione di una squadra, senza dover fare anche i conti col mercato. Credo che lui sia abbastanza intelligente da sapere che deve prima fare bene qua all'Udinese per sperare di avere delle soluzioni che possono essere professionalmente positive. E poi, quando vai in una grande squadra e abbandoni una come l'Udinese dove sei un punto di riferimento preciso e importante, c'è sempre da fare delle valutazioni attente".

BIANCONERI IN TV

Interviste esclusive

Vita da Club

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi

Primavera e giovanili