Home / Interviste esclusive / Giacomini: Udinese a Torino completamente deconcentrata

Giacomini: Udinese a Torino completamente deconcentrata

Il mister a Telefriuli

Giacomini: Udinese a Torino completamente deconcentrata

Mister Massimo Giacomini a 'Bianconero XXL' su Telefriuli ha definito l'Udinese vista a Torino "Deconcentrata completamente. Pensava di avere di fronte ancora il Napoli, si è schierata come contro di loro, senza pressare. Ma di fronte c'era la Juve".

Gotti teme la pressione nei confronti della squadra. Esagerato? "Quasi mai c'è stata a Udine pressione. Il pubblico non ha mai pressato. Una volta i  tifosi si sono messi di schiena. Ma non ricordo episodi eclatanti. Devono avere più coraggio sti giocatori. La partita poteva finire 6-2".

Gotti aveva detto che sarebbe stata una gara simile a quella con il Napoli: "Sì, ma aveva davanti stavolta una squadra veloce. Il Napoli invece non era al top, bisognava approfittarne, fare i tre punti. Noi non facciamo mai risultato contro le grandi, gli altri sì. Ieri si poteva perdere, ma giocando".

La situazione 'particolare della panchina': "Nessuna squadra in Italia ha fatto un lavoro di questo genere, poi magari anche altri arriveranno al fatto che il secondo dovrà fare il primo. Ma non si può andare avanti così, ne vanno di mezzo tutti. Bisogna trovare un allenatore".

Si parla ancora di possibile cessione della società: "Se i Pozzo lasciano, chi viene? Sono in fila per prendere l'Udinese? Non ho visto nè sentito nessuno".

Sarri ha spiegato l'utilizzo del tridente: "Sarri ha detto che, per come gioca l'Udinese, giocare con tre facilita il discorso. Se l'Udinese avesse giocato in altro modo, non avrebbe potuto schierare il tridente".

Salvezza in discussione? "Stiamo andando pian pianino a fondo, perchè non fermiamo questo trend di non gioco. Si sbagliano le scelte dei giocatori: alcuni non possono giocare assieme, e non sempre vedo giocare chi merita. Se si fanno giocare quelli 'di mercato', succedono queste cose. La difesa è messa male. In mezzo non si capisce chi è che fa lo schermo difensivo? Una volta Jajalo, una Walace, una Mandragora. Spesso abbiamo giocato con una sola punta che non lo è, Lasagna. Nestorovski ha fatto sempre benino, Pussetto lo hanno massacrato, Barak è giocatore di calcio: però si mettono sempre questi qui".

Manca qualità? "Ma se sei disciplinato e tatticamente a posto, qualcosa porti a casa".

De Paul vale 30 milioni? "Non glieli danno. Se va via, va in prestito. Ma all'Inter non serve, hanno bisogno di altri giocatori".

DopoGotti, chi tra questi? "Marino? Potrebbe essere un ritorno, credo che alla fine prenderanno lui"

BIANCONERI IN TV

Conferenze stampa

Primavera e giovanili

Vita da Club

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi