Home / Interviste esclusive / Giacomini: "Udinese, contro il Napoli sbagliato tutto"

Giacomini: "Udinese, contro il Napoli sbagliato tutto"

"I primi segnali negativi erano arrivati già contro lo Spezia"

Giacomini:  Udinese, contro il Napoli sbagliato tutto

Mister Massimo Giacomini ci è rimasto davvero male per il poker subito in casa dall'Udinese. Eppure, come dice in esclusiva a udineseblog.it, un po' se lo aspettava: "Abbiamo giocato contro  il Napoli esattamente come fosse lo Spezia e abbiamo preso 4 gol. Mi sembra una conseguenza logica. Ci sta. Tutti hanno colpe. A centrocampo si è salvato solo Walace, Pussetto ha fatto qualcosa solo occasionalmente. Deulofeu e Pereyra non pervenuti. In difesa non la prendiamo mai sui cross di testa".

E' un fiume in piena il mister. E continua: "Abbiamo affrontato in maniera sbagliata una squadra che ha corso e aggredito di più nonostante avesse giocato pochi giorni prima in Europa. E quella stessa squadra, il Napoli, ha fatto la partita perfetta fino al 92': davanti ad una squadra simile, giù il cappello!"

E ancora: "Avrebbero potuto fare più gol se Silvestri non si fosse opposto con alcuni interventi".

Quindi l'ammonizione, la sgridata 'paterna' all'Udinese: "Pensavano di essere qualcuno. Sono tornati con i piedi per terra dopo quelle quattro sberle. E occhio, che a Roma possono arrivarne altre quattro. E poi arriva qui la Fiorentina di Italiano, squadra che corre e pesta. Per fortuna in classifica ci sono già sette punti. E comunque meglio che si siano presi adesso le 4 pappine e che cerchino di rimediare contro la Fiorentina. La partita con la Roma la vedo troppo difficile".

Torna quindi sul concetto per cui "non potevamo giocare come contro lo Spezia" : "La gara contro lo Spezia ha fatto scattare l'allarme. L'atteggiamento da adottare era quello messo in campo contro la Juventus, con Pereyra a supporto dell'unica punta. Questa squadra deve infittire il centrocampo, giocare con maggiore aggressività. E pensare a cercare di fare punti con le piccole".

E Gotti? Il mister difende sempre l'allenatore: "Che colpe ha Gotti se i giocatori non hanno piede? Speravamo che la squadra fosse migliorata, invece ha fatto passi indietro già contro lo Spezia".

Poche speranze, contro la Roma: "L'ho detto, è una partita difficile in cui c'è anche il rischio della tensione, del nervosismo perchè si sente l'importanza della partita. E' già tempo di stringere le fila".

BIANCONERI IN TV

Conferenze stampa

Interviste esclusive

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi