Home / Interviste esclusive / Giacomini: per un 2020 positivo la squadra deve trovare continuità

Giacomini: per un 2020 positivo la squadra deve trovare continuità

Il tecnico a Telefriuli

Giacomini: per un 2020 positivo la squadra deve trovare continuità

Il 2020 è arrivato e nel cambio di decennio si spera anche in una inversione di tendenza per l'Udinese rispetto agli ultimi anni. I pensieri vanno ancora agli ultimi dodici mesi dei quali mister Massimo Giacomini a Telefriuli ha tracciato un bilancio:

Al termine di questa annata solare dell’Udinese, quali sono gli aspetti positivi e quali quelli negativi? “Gli aspetti negativi sono dati da una mancanza di continuità e di concentrazione. Palesemente si nota che la squadra ha dei problemi quando va in vantaggio e tende ad abbassarsi molto. È accaduto contro il Napoli, circostanza nella quale avrebbe dovuto vincere, o come successo con il Cagliari; in questo caso però l'Udinese ha dimostrato una reazione formidabile negli ultimi minuti, riuscendo a vincere. Se giocasse sempre con la medesima voglia, le cose funzionerebbero. Io credo che questa squadra non abbia nessun giocatore indispensabile, ma molti elementi che potrebbero rivelarsi estremamente utili se in condizione. La classifica risulta essere discreta perché ci sono altre squadre che si sono dimostrate altalenanti.

Chi è il miglior giocatore del 2019? “Senz’altro Musso. Ritengo che nessuno possa spodestarlo dal trono di miglior giocatore, dato che in numerose occasioni ha salvato la squadra con parate straordinarie, come accaduto in occasione del calcio di rigore con la SPAL. “

Quale giocatore ha rappresentato una delusione?“Complessivamente la difesa, che per me gioca troppo bassa, non aggredisce, e pur in superiorità numerica va in difficoltà. Ritengo che dovrebbe avere più coraggio e soprattutto concentrazione. Quest’ultima risulta determinante per una squadra come l’Udinese.”

In vista del prossimo calciomercato, secondo lei dove sarà necessario effettuare qualche intervento? “In nessun reparto. Credo non ci siano risorse per acquistare giocatori importanti, quindi piuttosto che comprare degli illustri sconosciuti, che come accaduto gli anni scorsi hanno giocato poche partite prima di scomparire, ritengo opportuno consolidare il gruppo esistente, e soprattutto valutare al meglio lo stato di forma di questi giocatori. Si è visto con il rientrante Fofana, divenuto determinante grazie alle sue folate, alla sua capacità di realizzare assist e a quella di fare gol in prima persona.”

Pussetto bisogna tenerlo o mandarlo a giocare altrove?“Rispetto le scelte dell’allenatore, ma secondo me, rivedendo il modulo di gioco, in questa squadra Pussetto potrebbe giocare titolare, perché ha una buona tecnica, un carattere formidabile, e dedica tutta la sua attenzione al gioco. Sarebbe sicuramente un giocatore capace di promuovere un atteggiamento positivo; se però il modulo prevede cinque difensori, è logico che debba stare fuori.”

Voto al 2019 dell’Udinese? “Dal 5 al 6.”

Per il 2020 cosa si aspetta? “Se i giocatori terranno a mente e sapranno replicare il tipo di partita espresso contro il Cagliari, potremmo assistere ad una buona annata. Al contrario, se persisterà il tema legato alla discontinuità, come accaduto negli ultimi anni, permarrà il problema di lottare per salvarsi.“

BIANCONERI IN TV

Conferenze stampa

Primavera e giovanili

Vita da Club

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi