Home / Interviste esclusive / Giacomini: la compattezza dell'Udinese sta venendo fuori

Giacomini: la compattezza dell'Udinese sta venendo fuori

Il mister a 'Game on' su Telefriuli

Giacomini: la compattezza dell\u0027Udinese sta venendo fuori

Alla vigilia di Fiorentina-Udinese, mister Velazquez come al solito è stato bene attento a non svelare le sue carte ma ha avvertito che quello del Franchi sarà un esame difficile per l'Udinese ma anche per i Viola. Mister Massimo Giacomini, a 'Game on' su Telefriuli, ha commentato: "La Fiorentina è una squadra molto rapida, soprattutto nella risalita del gioco, quindi bisogna stare molto attenti. Non bisogna chiudersi dietro, è chiaro, ma il fatto che i loro attaccanti siano molto rapidi potrebbe dare qualche preoccupazione in più alla nostra difesa. L'Udinese giocherà le sue carte. Ha dimostrato che può fare molto bene, con delle fiammate interessanti, e ha fatto vedere una compattezza di gioco che pian pianino sta venendo fuori. Non rinuncia a giocare ma anzi dà una certa libertà a Fofana che nel cambio di palla tra le due squadre è quello che può incidere di più nel mettere in crisi una difesa avversaria e favorire i suoi compagni di squadra. De Paul è in crescita sotto l'aspetto tecnico tattico, gli altri si danno da fare con molta attenzione e una partecipazione sempre attiva anche se talvolta nel finalizzare il gioco il gesto tecnico non è perfetto. Il nuovo gruppo sta imparando a conoscersi e questo dovrebbe migliorare il modo di giocare a memoria".

La squalifica di Mandragora: "Adesso vediamo se vengono puniti tutti. Sono d'accordo che non bisogna bestemmiare, ma in una situazione di nervosismo può accadere. Se andiamo allora a beccarli tutti.. Temo che Mandragora rimarrà una mosca bianca".

La probabile formazione: potrebbe essere un 4-1-4-1 con Scuffet; Larsen, Ekong, Nuytinck, Samir; Behrami; Machis, Fofana, De Paul, D'Alessandro; Lasagna. Cosa ne pensa? "Questa può essere una soluzione. Oppure potrebbe fare un 4-2-3-1 portanto Fofana più basso, mettendo De Paul dietro a Lasagna sempre con Machis e D'Alessandro esterni. Se sceglie il 4-1-4-1 la fase offensiva può svilupparsi in diverse maniere con De Paul che può diventare la seconda punta, rimane Lasagna e ci sono i tre dietro così anche Machis e D'Alessandro sono in fase offensiva, senza tralasciare la posizione di Fofana che quando parte diventa un giocatore devastante, difficilissimo da controllare. Gioca sempre ad una velocità elevata, quindi la velocità è contro la precisione, quindi quando sbaglia qualche volta un passaggio è perchè lui è sempre rapido".

BIANCONERI IN TV

Conferenze stampa

Interviste esclusive

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi