Home / Interviste esclusive / Giacomini e Pizzul: buona Udinese, vittoria meritata

Giacomini e Pizzul: buona Udinese, vittoria meritata

I due opinionisti a 'Bianconero'

Giacomini e Pizzul: buona Udinese, vittoria meritata

Una vittoria fondamentale quella contro il Bologna che mister Massimo Giacomini e Bruno Pizzul a 'Bianconero' su Telefriuli hanno commentato così:

GIACOMINI - "Nicola ha scelto ancora il 5-3-2. Ha avuto qualche difficoltà nel primo tempo. Il rigore era chiarissimo, inventato da Pussetto, ma il Bologna ha pareggiato giustamente perchè aveva in quel momento il dominio territoriale. Nella ripresa l'Udinese ha accelerato e ha creato preoccupazioni al Bologna, vincendo meritatamente. E' stata più pratica, più rapida, è cresciuta molto e il Bologna non ha più saputo affrontarla, tanto che Musso nella ripresa non ha fatto parate. Pussetto ha fatto cose straordinarie, ha una rapidità impressionante ed è un giocatore pensante, cosa rara. E' uno dei pochi che gioca con la testa. De Paul ha fatto una buona partita, anche se potrebbe fare ancora meglio. Comunque hanno giocato bene tutti, non solo gli argentini, ma tutta la squadra. Il Bologna si è affidato in mezzo a Dzemaili, che è come Behrami: gioca al massimo 60 minuti".

Mandragora e Zeegelaar i peggiori? "No, non è giusto. Mandragora può fare meglio, è vero, Zeegelaar non ha fatto errori clamorosi. In una partita così non si devono dare brutti voti. E comunque il gol preso non è colpa di Mandragora, c'è stata una punizione. Sandro? Speriamo che stia bene. Lui è andato in campo  e subito, Larsen è andato a destra ed è arrivato il gol. Ha giocato poco, ma ha dato sicurezze".

La protesta dei tifosi:  "I tifosi hanno protestato educatamente, hanno capito che non valeva la pena e hanno ragionato subito".

Contro Juve e Napoli? "Si può fare un punto, più facile con la Juve che contro il Napoli. Bisogna provarci, ci è riuscito il Genoa..".

 

PIZZUL - "Il secondo tempo mi è piaciuto, il primo un po' meno. La situazione è migliorata perchè è migliorata l'Udinese ed è clamorosamente mancato il Bologna. Nell'intervallo sembrava che l'Udinese si accontentasse del pareggio, poi han vinto con pieno merito, grazie alla prestazione di Pussetto e alla consapevolezza dei giocatori che quella era una gara da vincere. Il Bologna nella ripresa è mancato in maniera clamorosa: dicevano che giocano bene e continuano a perdere, sono preoccupati. Il Bologna nel secondo tempo è scoppiato, non stava in piedi. L'Udinese invece nel secondo tempo ha giocato bene e in emergenza, con un centrocampo raffazzonato, in cui ha fatto giocare mezzala De Paul e Larsen per mancanza di alternative. Pussetto ha fatto una partita importante, è stato determinante. Devo dire però che ho avuto la netta impressione che ad un certo punto i giocatori dell'Udinese si siano resi conto che il Bologna non c'era più, non ce la faceva più".

Nuovi acquisti che fanno bene. Allora hanno ragione i Pozzo sul mercato? "Negli ultimi anni dei giocatori che si sono aspettati non sono poi migliorati come ci si attendeva".

Udine non è una piazza allettante? "Come tutte quelle delle squadre 'piccole'. Parma? Ha avuto il momento boom quando c'era la Parmalat, adesso è come Udine. Il problema, semmai, è a Bologna".

Il Watford porta via energie? "No, anzi. Ha risorse economiche che possono essere utili anche all'Udinese".

La Juve? "Non sta bene in questo momento, ma non è come il Bologna che gioca bene e perde. Comunque bisogna andare a giocarsela".

BIANCONERI IN TV

Conferenze stampa

Primavera e giovanili

Vita da Club

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi