Home / Interviste esclusive / Giacomini: "C'è assembramento di attaccanti, una situazione difficile da gestire"

Giacomini: "C'è assembramento di attaccanti, una situazione difficile da gestire"

Per utilizzarne di più, bisogna cambiare qualcosa dietro

Giacomini:  C\u0027è assembramento di attaccanti, una situazione difficile da gestire

Mister Massimo Giacomini a 'BianconeroXXL' su Telefriuli ha commentato il successo dell'Udinese sul Genoa: "Serviva la vittoria e sono riusciti ad averli, ma pensavo ci potesse essere un miglioramento rispetto alla partita di Sassuolo. Invece, pur giocando in casa, abbiamo tenuto palla come loro, tirato in porta come loro e alla fine, se non ci fosse stato il piede di Scamacca, il pareggio sarebbe stato giusto. In qualche altra occasione abbiamo perso dei punti in maniera sfortunata, stavolta legittimamente siamo riusciti a vincere con l'aiuto del Var, che comunque è una cosa che ci sta. Ma abbiamo dimostrato di non essere usciti da una certa situazione: manca l'attacco. Se non prende palla De Paul che cambia marcia, non arriviamo mai al tiro".

De Paul è assolutamente imprescindibile? "Ma va aiutato e sorretto, perchè è anche fisicamente forte, ha una qualità fisica di un certo tipo. I centrocampisti che giocano con lui non sono granchè, sono eleganti ma non hanno sostanza. Mandragora gioverà molto a De Paul, perchè si sentirà più libero di giocare un calcio offensivo".

Pereyra ieri le è piaciuto? "Poco. Mi aspettavo di più. Qualche volta esce bene e dà la palla pulita, ma deve fare di più, non limitarsi a scaricare la palla ai compagni, spesso a De Paul (ma questa è una buona idea). Credo che tutti ci aspettavamo di più da lui. E anche lui potrà beneficiare del rientro di Mandragora: anche lui potrà essere liberato di più, esattamente come De Paul".

Con questo modulo e i giocatori a disposizione, che fare? "Lanciare la monetina, testa o croce. Il punto è che sacrifichiamo Lasagna o Deulofeu. Lo si può fare? Che dirà Deulofeu? Mi sembra ci sia un po' di assembramento di attaccanti, non è facile da gestire. Okaka è inamovibile, è quello che difende palla e fa scivolare la palla in avanti. Se cambiassimo situazioni dietro, potremmo fare a meno del giocatore centro boa e utilizzare giocatori che si incrociano".

Come ha visto Zeegelaar? "Se avessimo Sema.. Larsen è già in buona condizione, accompagna ed è utile. Dall'altra parte, è nebbia".

BIANCONERI IN TV

Blog bianconeri

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi