Home / Interviste esclusive / Giacomini: all'Udinese è mancata un pizzico di fortuna

Giacomini: all'Udinese è mancata un pizzico di fortuna

Pizzul: il discorso è sempre lo stesso, la coperta è corta

Giacomini: all\u0027Udinese è mancata un pizzico di fortuna

Mister Massimo Giacomini e Bruno Pizzul ancora assieme a 'Bianconero' su Telefriuli per commentare la prestazione dell'Udinese a Napoli. 

GIACOMINI - E' stata la miglior partita che ha fatto fuori casa. Il recupero di due gol credo non sia riuscito a nessuno a Napoli. Finalmente la squadra è stata coraggiosa. Poi c'è stata poca fortuna e quando è uscito Sandro il crollo. Fofana davanti alla difesa non bene e nemmeno gli altri cambi. Abbiamo fatto il cambio al 55', al 57' abbiamo preso il gol. Il Napoli ha fatto 4 gol perchè ha una tecnica nettamente superiore, diminuisce quindi il fattore errore. Con un po' di fortuna (il cambio di Sandro poteva essere ritardato, l'Udinese si era assestata) avremmo fatto meglio. La squadra ha giocato in modo diverso rispetto alle ultime volte, peccato che non sia riuscita ad ottenere un pari che avrebbe dato una spinta. Spero che abbiano capito che si può giocare. Penso che comunque bisognasse fare dei cambi migliori. E comunque che con la difesa a 4 si è preso gol subito. E non è vero che l'ingresso di Verdi per loro sia stato determinante. L'Udinese era equilibrata, le azioni le ha create. Bisogna dire che l'Udinese ha messo in imbarazzo il Napoli. Perchè dare giù ancora? Si è visto bene che è stata una prestazione ben diversa da quella di Torino. L'unico appunto che faccio è sui cambi. Zeegelaar mi è piaciuto, è il miglior esterno sinistro che abbiamo visto qui. Sandro ha dato equilibrio, può dare ordine. Se può coesistere con Behrami? Sì perchè uno ha la zappa, l'altro i piedi. Manca Barak, giocatore di ruolo, fondamentale. Samir? Può giocare solo esterno, non credo manchi tanto. Il mercato di gennaio non così male? Peccato solo che i giocatori presi saranno in forma forse tra un mese. Lotta salvezza? Non è semplice: con il Genoa non puoi sbagliare, poi vai a Milano, dove in realtà qualcuno è riuscito a fare risultato, se stiamo più attenti...Bisogna prendere punti ovunque. L'ideale sarebbe giocare come il Chievo, liberi di testa, ma è difficile quando ci sei proprio dentro. Noi la corsa la dobbiamo fare su Empoli e Spal. Il Bologna è quello che sta meglio, si può sperare in qualche colpo a vuoto del Cagliari. Lasagna in Nazionale? In Italia non ci sono punte di grande valore. Ha convocato Quagliarella..Lui non è peggio degli altri. E Mancini gli è riconoscente perchè per merito suo non siamo retrocessi in serie B. E poi si gioca a Udine, ha segnato per due gare di flla ed è più brillante di un mese fa"

 

 

PIZZUL - Non è il caso di essere trionfalistici, ma la considerazione da fare è sempre la stessa: la coperta è corta. In difesa non c'erano giocatori di ruolo. Se guarirà qualcuno, un po' meglio si farà. Sembrava avessimo sistemato la difesa, ma abbiamo fatto bene in fase avanzata e abbiamo preso 4 gol. Lo scampolo del primo tempo non è stato male. Bisogna dire che le occasioni le ha avute l'Udinese, non il Napoli. I bianconeri si sono proposti. Non si può non dire che l'Udinese abbia fatto una buona partita. Non tiriamo fuori il discorso del portiere che non stava bene quando ha preso i gol. Anche Musso ha sbagliato sul secondo gol, era a terra prima ancora che partisse il tiro. Sandro? Ha dato senso della posizione e sicurezze ai compagni. E Barak? Che fine ha fatto? Perchè stagione finita? Se serve, credo si debba operare. Lasagna in Nazionale? Sappiamo che piace a Mancini per le caratteristiche che ha. Poi è un ragazzo tranquillo, dimesso. Adesso la sosta, ma Nicola non può lavorare tanto, ne ha dieci in nazionale... speriamo che riesca a recuperare qualcuno".

BIANCONERI IN TV

Conferenze stampa

Primavera e giovanili

Vita da Club

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi