Home / Interviste esclusive / Behrami: avevamo bisogno di questa vittoria

Behrami: avevamo bisogno di questa vittoria

I fischi servono da stimolo

Behrami: avevamo bisogno di questa vittoria

Nicola lo andava dicendo da un po' che la squadra stava crescendo. Oggi si è visto. E Valon Behrami commenta a Telefriuli: "Oggi abbiamo raccolto i frutti del lavoro non solo con i tre punti. Si è visto bel gioco, un grande spirito di squadra, un gruppo equilibrato. Ci serviva una partita così e siamo molto felici. Il mister lo ha sempre detto, anche nei momenti difficili, che ci saremmo arrivati. E' chiaro che siamo una squadra sotto pressione, perchè non siamo  in una posizione di classifica tranquilla, però riusciamo ad avere la serenità per lavorare. Le giocate le stiamo tirando fuori a poco a poco".

Forse la miglior Udinese targata Nicola? "Il mister è arrivato in una situazione non semplicissima"

E' cambiato anche l'atteggiamento. Comunque l'assenza di De Paul ha responsabilizzato un po' tutti? E tu lo hai sostituito come bomber? "Non diciamo che ho segnato al posto suo, quello no", dice sorridendo. "Quando manca un giocatore così importante c'è un po' più di solidarietà, si cerca di fare qualcosina in più, uno sforzo in più, cosa che abbiamo fatto per larghi tratti della partita. Poi è ovvio che la volontà di vincere c'era. Gli episodi ci sono anche girati bene. Abbiamo avuto tante occasioni. Penso che sotto tutti i punti di vista sia stata una gara di qualità, e deve essere solo un punto di partenza per noi".

Un gol con una dedica speciale il tuo: "L'ho dedicato a mia moglie. Non mi capita di segnare molto spesso. E' stato speciale riuscire a dedicarlo a lei, che era anche qui allo stadio. Quindi sono molto felice".

Nicola cosa sta dando anche a voi giocatori? "La cosa che lui aveva più a cuore appena arrivato era quella di risolvere i problemi in fase difensiva, prendevamo tantissimi gol e lui ha cercato di lavorare su quello. Anche gli ultimi due gol sono stati presi su rigore. E' chiaro che non balza all'occhio alla gente, perchè la fase difensiva è quella meno spettacolare. Ma avevamo bisogno di questa solidità e piano piano sta cercando di mettere dentro i suoi concetti con la palla, tenerla e muoversi meglio in fase propositiva, infatti oggi abbiamo avuto molte più occasioni. Questa vittoria ci deve solo dare  più convinzione per lavorare meglio quando torneremo da questa piccola pausa".

Eravate usciti tra i fischi, prima di Natale. Oggi invece applausi per tutti: "E' una bella sensazione, ma vanno sempre presi nella maniera giusta anche i fischi, ti devono stimolare per fare meglio in settimana. I fischi ti svegliano un attimino di più. Gli applausi lo stesso: non vuol dire che 'ok, abbiamo fatto bene il nostro lavoro'. Noi vogliamo sempre di più, vogliamo uscire in questa maniera qui. Deve essere uno stimolo per tutti noi. Sono due anni che siamo sempre in queste posizioni di classifica, ed è frustrante anche per un giocatore, essere sempre lì sotto e doversi tirare fuori da situazioni difficili. Vorremmo vivere il nostro lavoro con serenità, attraverso anche gli applausi della gente. E' tutta un'altra situazione".

Adesso la pausa: era meglio continuare? "Io personalmente devo recuperare da un po' di problemi, quindi per me viene in un buon momento. Però la squadra sta bene, sta migliorando fisicamente, abbiamo anche dei giorni per lavorare ancora di più. Il mister ci tiene tanto a questi giorni".

Che girone di ritorno ti aspetti adesso? "Un girone di ritorno con un po' più di costanza nelle prestazioni. Bisogna cercare di mantenere una intensità alta, perchè questa squadra qua altrimenti fa molta fatica. E più consapevolezza dei concetti dell'allenatore. Più li ripetiamo, più le cose ci entrano in testa, più le facciamo in maniera semplice. Nella testa non deve cambiare nulla, ci dobbiamo sempre sentire appesi ad un filo, e giocare in questa maniera".

BIANCONERI IN TV

Conferenze stampa

Primavera e giovanili

Vita da Club

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi