Home / Internazionali / Tanzania: allenatore belga licenziato per razzismo

Tanzania: allenatore belga licenziato per razzismo

Il tecnico si è scusato

Tanzania: allenatore belga licenziato per razzismo

Una delle piu' importanti squadre di calcio tanzaniana ha licenziato il suo allenatore belga per aver fatto commenti razzisti. Si tratta di Luc Eymael, tecnico del Young African (Yanga) Sports Club. Il pareggio per 1-1 contro la formazione dei Mtibwa Sugar, ha suscitato molte proteste tra i tifosi della sua squadra, da lui definiti "scimmie o cani" secondo quanto riferisce la Afp.

"Siamo rattristati dalle dichiarazioni ingiuste e razziste fatte da Luc Eymael e abbiamo deciso di licenziarlo a partire da oggi", ha fatto sapere la societa' in una nota firmata dal segretario generale Simon Patrick, aggiungendo che "la direzione del club si scusa con la Federcalcio della Tanzania, i membri, i tifosi e la cittadinanza in generale. La nostra squadra crede nel rispetto, nella dignita' ed e' contro ogni tipo di razzismo".

Nella registrazione del parole di Eymael, circolata sui social media, si sente il tecnico dire: "Questi fan non sanno nulla di calcio .... Sono come le scimmie o i cani, urlano".

Eymael si e' scusato per i suoi commenti, dichiarando al quotidiano sportivo Mwanaspoti che "non era di buon umore" e il suo non era un commento razzista. La Premier League della Tanzania si e' conclusa ieri, il campionato e' stato vinto dal Simba Sports club, mentre lo Yanga e' giunto secondo.

BIANCONERI IN TV

Interviste esclusive

Conferenze stampa

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi