Home / Internazionali / Maradona: camera ardente alla Casa Rosada

Maradona: camera ardente alla Casa Rosada

L'autopsia: "E' morto per un'insufficienza cardiaca acuta"

Maradona: camera ardente alla Casa Rosada

Dopo lo shock e il dolore, ora non resta che il ricordo: la morte di Diego Armando Maradona ha sconvolto il mondo del calcio ma non solo. La camera ardente è stata allestita alla Casa Rosada, palazzo presidenziale argentino, a Buenos Aires dove il popolo albiceleste è accorso per l'ultimo saluto al suo eroe. Intanto i risultati preliminari dell'autopsia parlano di "insufficienza cardiaca acuta" come causa del decesso.

GLI AGGIORNAMENTI DI GIORNATA

IL FERETRO AVVOLTO DALLA BANDIERA ARGENTINA E DAL NUMERO 10

Con momenti di ripetuta tensione, è in corso a Buenos Aires l'estremo omaggio nella Casa Rosada presidenziale al feretro che contiene il corpo di Diego Armando Maradona. Dopo una lunga attesa all'esterno dell'edificio sulla Plaza de Mayo i visitatori debbono superare i controlli di sicurezza per poter entrare nell'edificio e poi sfilare a qualche metro di distanza dalla bara. La gente può sostare qualche secondo, lanciare fiori, bandiere e magliette, materiale che viene subito raccolto dagli addetti alla sicurezza. La bara, di legno chiaro, è chiusa, coperta da una bandiera argentina, da una maglietta della nazionale con il numero 10 e da un'altra del Boca Juniors. Le tv argentine mostrano la lunga fila delle persone in attesa che alle 7 locali del mattino è di centinaia di metri, prolungandosi fino all'Avenida 9 de Julio.

FORSE GIA' OGGI I FUNERALI, MA IN FORMA PRIVATA

I funerali di Diego Maradona potrebbero avere luogo già oggi, nella serata argentina. La famiglia non ha ancora preso una decisione definitiva, ma secondo quando trapela, la cerimonia potrebbe svolgersi in forma privata, anche per evitare il rischio di contagi di massa a causa del Covid, dopo la veglia alla Casa Rosada.

"CIAO DIEGO" ALLE FERMATE DEI BUS DI NAPOLI

Poche parole, un semplice saluto. Cosi l'Anm (Azienda napoletana mobilita') ha voluto ricordare Diego Armando Maradona. La scritta appare sulle paline degli autobus sistemate in corrispondenza delle fermate.

GIA' SVOLTA UNA CERIMONIA PRIVATA

La famiglia e gli amici più stretti di Diego hanno avuto accesso alla Casa Rosada già all'alba, per una cerimonia privata. Presenti tra gli altri Carlos Tevez, Martin Palermo e Guillermo Coppola, oltre che i campioni del mondo di Messico '86. Diego Armando Maradona Junior, ricoverato per il Covid-19, è rimasto in Italia. Ha portato un ultimo saluto a Maradona anche Victor Galindez, storico massaggiatore della nazionale. L'ex portiere Sergio Goycochea, titolare nel Mondiale in Italia, è stato uno dei primi ad arrivare alla camera ardente. In rappresentanza del Boca Juniors sono arrivati Carlos Tevez e Ramon Abila. Gli Xeneizes erano tornati a Buenos Aires poche ore prima dopo il rinvio della gara di Copa Libertadores con l'Internacional de Porto Alegre. La bara di Maradona, spiega il Clarin, sarà chiusa. Da parte della famiglia non ci sono state richieste particolari, a parte la volontà di porre una bandiera dell'Argentina vicino o sopra la bara.

DE MAGISTRIS: "PARTITO L'ITER PER DEDICARGLI IL SAN PAOLO"

"Ci siamo mossi già stamattina, faremo i primi passi formali per dedicare lo stadio di Napoli a Maradona. Ci sono dei tempi, ma saranno tempi brevi, perché quando c'è una volontà così forte credo che non ci sia carta bollata che tenga. Speriamo di farlo coincidere con l'inizio della ripresa delle partite con il pubblico. Sarebbe bellissimo". Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a Rtl 102.5. De Magistris ha ricordato che quando Maradona è arrivato a Napoli "è stato il riscatto di un popolo. Lui amava Napoli, quindi voleva, attraverso il calcio, far conoscere al mondo una città piena umanità, cuore, energia, fantasia. E oggi vedo anche giovanissimi, che non lo hanno conosciuto, come i miei figli, che però tengono Maradona nella testa e nel cuore".

CONTINUA L'OMAGGIO DEI TIFOSI DEL NAPOLI

Continua anche stamattina, dopo essere andato avanti fino a notte fonda, l'omaggio dei napoletani a Maradona. In tanti, davanti allo stadio San Paolo, si soffermano vicino agli striscioni, ai cartelli, alle sciarpe, ai fiori collocati dai tifosi azzurri all'esterno delle transenne. Molti i disegni di bambini. C'è chi scatta foto, chi si sofferma a guardare, chi si fa il segno della croce. A campeggiare il grande striscione con il volto del campione azzurro e la scritta 'The King'. Altro luogo di raduno, ai Quartieri Spagnoli, in via De Deo, dove c'èil murales di Maradona e dove per ore si sono ritrovati ieri sera i tifosi del Napoli.

LA BOMBONERA SPENTA, ACCESA SOLO LA "LUCE" DI MARADONA

Luci spente in segno di lutto alla Bombonera, stadio del Boca Juniors: un'unica luce accesa, quella del box riservato a Maradona, simbolo Xeneizes. Il Pibe anche dopo essersi ritirato era rimasto grande tifoso del Boca che seguiva dal vivo quando poteva.

RISULTATI PRELIMINARI AUTOPSIA: INSUFFICIENZA CARDIACA ACUTA

La causa della morte di Diego Armando Maradona è stata una "insufficienza cardiaca acuta, in un paziente con cardiomiopatia dilatativa": è quanto emerge dai risultati preiminari dell'autopsia, riportati dal quotidiano argentino Clarin. L'insufficienza sarebbe stata generata da un "edema polmonare acuto". Il procuratore generale di San Isidro, John Broyard, ha detto che "non si nota alcun segno di violenza". L'autopsia è stata eseguita tra le 19.30 e le 22 ora locale all'ospedale San Fernando. L'ultima persona a vederlo vivo, riporta il Clarin, è stato suo nipote, Jonatan Espósito (figlio di María Rosa, la sorella di Diego), alle 23 di martedì, prima di addormentarsi, secondo quanto riferito dall'ufficio del procuratore generale

CAMERA ARDENTE ALLA CASA ROSADA

Il feretro di Diego Armando Maradona è stato portato alla Casa Rosada, il palazzo presidenziale argentino a Buenos Aires, dove è stata allestita la camera ardente, secondo quanto riportato dai media locali. Sono già centinaia le persone in coda per rendere omaggio al campione. La cerimonia per il pubblico è iniziata alle 6 e terminerà alle 16 (le 20 in Italia). La camera ardente per Maradona, spiega il Clarin, è allestita nello stesso luogo in cui 10 anni fa gli argentini resero omaggio all'ex presidente Nestor Kirchner.

BIANCONERI IN TV

Conferenze stampa

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi