Home / I cugini di Gran Bretagna / Prima sconfitta del Watford in Premier League

Prima sconfitta del Watford in Premier League

Il Brighton vince 2-0

Prima sconfitta del Watford in Premier League

Il Watford scende in campo al Falmer Stadium per affrontare il Brighton allenato da Graham Potter. Xisco Munoz sceglie nuovamente il 4-1-4-1 con una formazione che vede Bachmann tra i pali, linea difensiva formata da Troost-Ekong e Kabasele al centro, Cathcart e Masina sugli esterni. Davanti alla difesa viene schierato nuovamente Etebo, più avanzati Cleverley e la novità Louza, sulle corsie esterne Sema a sinistra e Sarr a destra, unica punta Dennis. La gara inizia con due conclusioni di Bissouma per i padroni di casa, con palla che termina alta, e Sema per il Watford, tiro bloccato. Al 10' il Brighton trova il vantaggio con un colpo di testa di Shane Duffy su cross di Pascal Groß. Risponde il Watford al 13' con una conclusione pericolosa di Sarr che termina sul fondo. In chiusura di primo tempo la formazione di Potter raddoppia con una conclusione di Neal Maupay servito da Bissouma. Hornets sotto di due reti al riposo. Munoz, in avvio di ripresa, manda in campo Cucho Hernandez al posto di Louza e Potter è costretto a sostituire l'autore del gol Maupay con Aaron Connolly. Hornets che si spingono in avanti per riaprire la partita. Al 49' buon cross di Masina sul quale interviene di testa Sarr mandando fuori. Replica il Brighton con una conclusione pericolosa di Connoly che finisce di poco a lato. Al 63' Cleverley, su assist di Sema, impegna il portiere avversario in una deviazione con un sinistro indirizzato all'angolino basso. Due minuti più tardi Munoz rinforza la linea offensiva mandando in campo Joshua King per Cathcart. Il Watford prova anche con le conclusioni dalla distanza ma non inquadra la porta. Al 72' Potter manda in campo Enock Mwepu per Trossard e sei minuti più tardi l'allenatore degli Hornets sostituisce Sema con Deeney. L'ingresso dell'esperto attaccante giallonero non dà la scossa al reparto offensivo degli Hornets ed anzi è il Brighton a rendersi pericoloso in un paio di occasioni, prima con un colpo di testa di Duffy e poi con una conclusione di March che impegna Bachmann in una difficoltosa parata. Al 79' Alexis Mac Allister manca clamorosamente il terzo gol con una conclusione sottomisura sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Sul fronte opposto un buon colpo di testa di Deeney non inquadra la porta. Al 80' Jakub Moder sostituisce l'ex Liverpool Adam Lallana. Negli ultimi dieci minuti di gara gli ospiti ci provano con due conclusioni prima di dennis e poi di Cleverley entrambe bloccate dai difensori avversari. Al 89' è di Mwepu l'ultima conclusione della gara con palla che termina fuori. Nei quattro minuti di recupero non succede nulla. Prima sconfitta per il Watford di Xisco Munoz in Premier League. Gli Hornets sono andati al riposo sotto di due reti e nella ripresa, nonostante le sostituzioni del tecnico spagnolo che hanno rinforzato la linea offensiva, i gialloneri non sono riusciti ad impensierire i padroni di casa.

WATFORD: Bachmann, Cathcart(65'- Joshua King), Troost-Ekong, Kabasele, Masina, Etebo, Sarr, Cleverley, Louza (45'- Hernández Suárez), Sema (78'- Deeney), Dennis. In panchina: Foster, Ngakia, Rose, King, Deeney, Fletcher, Hernández Suárez, Sierralta, Baah.

BIANCONERI IN TV

I cugini di Gran Bretagna

Conferenze stampa

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi