Home / I cugini di Gran Bretagna / Corriere dello sport: C'è Ranieri, Watford può sognare

Corriere dello sport: C'è Ranieri, Watford può sognare

Il club dei Pozzo ufficializza il tecnico romano

Corriere dello sport: C\u0027è Ranieri, Watford può sognare

Il Watford ha ufficializzato ieri la nomina di Claudio Ranieri alla guida della squadra. Il Corriere dello sport inquadra così il contesto dell'allenatore e del club: "Con il Watford Claudio Ranieri arriva a ventuno. Nel senso di incarichi, in una carriera da tecnico iniziata ben 35 anni fa. Ventuno gli incarichi, 19 le squadre, perché al Valencia e alla Roma è stato due volte. E adesso il Watford della famiglia Pozzo, la quale ha appena esonerato lo spagnolo Xisco Muñoz. Debutto di tutto rispetto dopo la pausa per le nazionali contro il poderoso Liverpool di Jürgen Klopp. E' il quarto club di Premier League, dopo le esperienze al Chelsea, al Leicester e al Fulham. Ma, del resto, Londra è praticamente una seconda casa per il tecnico romano. «Il Watford è lieto di confermare l'ingaggio di Claudio Ranieri con contratto biennale - si legge in un comunicato del club - L'Italiano si presenta a Vicarage Road con esperienze nei club più importanti d'Europa e nel suo palmares si contano la Coppa Italia, la Coppa del Re in Spagna e la Premier League».

Prima dell'esperienza alla Sampdoria, Ranieri era stato al Fulham, subentrando a novembre 2018 e lasciando il club a febbraio, dopo avere collezionato nove punti in sedici gare per un club che lottava per evitare la retrocessione. Una situazione per certi versi simile a quella che eredita in casa del Watford, neopromosso in Premier questa stagione anche se, in realtà il club dei Pozzo sembra un po' meglio attrezzato di quanto non lo fosse il Fulham, che era fanalino di coda in Premier al momento dell'arrivo di Ranieri.

Il Watford, invece, è 14°, a quattro punti dalla zona retrocessione. Non solo, ma il club può contare su una rosa esperta, con un buon cocktail di giovani interessanti (Emmanuel Dennis, Ismaila Sarr) e veterani che già conoscono bene il campionato (Craig Cathcart, Joshua King, Danny Rose, Moussa Sissoko). Senza dimenticare l'esperienza e il supporto tecnico e finanziario della famiglia Pozzo.

Lo stesso predecessore di Ranieri - Xisco, artefice della promozione lo scorso anno - aveva iniziato bene, vincendo due delle prime tre gare, prima di sbandare nelle ultime due uscite, contro il Leeds di Radrizzani sabato (sconfitta per 1-0) e contro il Newcastle (pareggio interno per 1-1), avversario diretto nella lotta per evitare la retrocessione. La stampa ironizza sulla fama dei Pozzo come “mangia-allenatori” (Ranieri è il 14° negli ultimi dieci anni, prima di lui altri italiani come Gianfranco Zola, Giuseppe Sannino e Walter Mazzarri), ma la reazione dei tifosi è positiva. Un po' per lo stile, un po’ per la simpatia, un po' per la grande esperienza e un po' perché è impossible non sognare quando ad allenarti è l'uomo del miracolo..."

BIANCONERI IN TV

Blog bianconeri

I cugini di Gran Bretagna

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi