Home / Europei / Gli inglesi non accettano la sconfitta: petizione per ripetere la finale con l'Italia

Gli inglesi non accettano la sconfitta: petizione per ripetere la finale con l'Italia

Sotto accusa l'arbitro, che sarebbe stato troppo indulgente con Chiellini su Suku

Gli inglesi non accettano la sconfitta: petizione per ripetere la finale con l\u0027Italia

Dopo la vittoria dell'Italia ai calci di rigore nella finale di Euro 2020, una parte dei tifosi dell'Inghilterra ha avuto l'idea di lanciare petizioni per ripetere la finale del torneo, dopo aver ritenuto "ingiusto" il modo in cui la nazionale dei 'Tre Leoni' è stata sconfitta. L'Italia è stata accusata di aver giocato "sporco", dopo l'episodio in cui il capitano Giorgio Chiellini ha tirato il colletto della maglia di Bukayo Saka, fermandolo e facendolo cadere a terre. Alcuni fan si sono rapidamente rivolti ai social media per sostenere che meritava un cartellino rosso per la mossa.

"Italia-Inghilterra, rivincita e arbitro imparziale"

Le decisioni arbitrali sono state ampiamente contestate dai tifosi inglesi e una delle petizioni lanciate delinea nella sua descrizione: 'Bukayo Saka è stato maltrattato durante la partita tra Inghilterra e Italia perché è stato trascinato per la maglia da Giorgio Cheiellini, a cui è stato dato un cartellino giallo quando CHIARAMENTE avrebbe dovuto essere un cartellino rosso. Credo fermamente che l'arbitro fosse di parte e favorevole all'Italia'. Un'altra petizione sostiene che Chiellini avrebbe dovuto ricevere un cartellino rosso e che si dovrebbe giocare una rivincita con un "arbitro imparziale". Molti sostenitori hanno comunque preso le distanze da questo tipo di iniziative e dalla loro natura imbarazzante. Al momento esistono diverse raccolte firme, ma solo una si avvicina alle 1.500 firme, mentre le altre hanno numeri esigui. Una petizione, chiamata 'Justice Rematch for England', aveva l'approvazione di sole sei persone.

BIANCONERI IN TV

Vita da Club

Blog bianconeri

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi