Home / Europei / Bonucci: "Wembley e arbitro non ci spaventano"

Bonucci: "Wembley e arbitro non ci spaventano"

Il difensore in vista della finale

Bonucci:  Wembley e arbitro non ci spaventano

Leonardo Bonucci carica il gruppo azzurro a due giorni dalla finale di Euro 2020, provando a scacciare i timori per le pressioni del pubblico inglese e allontanando l'ipotesi di eventuali favoritismi ai padroni di casa: "Noi pensiamo solo a giocare a calcio, a divertirci. Il resto sono solo chiacchiere - ha detto il difensore della Nazionale in conferenza -. Quello che accadrà in campo sarà il miglior spettacolo possibile da parte di tutti, dai giocatori agli arbitri. Giocheremo in casa loro, ma questo non ci spaventa".

Il centrale della Juventus ha spiegato cosa significherebbe tornare sul tetto d'Europa: "La possibile vittoria di domenica sarebbe importante per il calcio italiano, per i singoli giocatori e per la Federazione. Andrebbe a cancellare anni difficili, sarebbe una grande iniezione di entusiasmo per tutto il popolo italiano, anche dopo il periodo che stiamo vivendo".

La fatica accumulata, specialmente dopo la lunga battaglia con la Spagna in semifinale, non può contare in questi momenti: "ll passato è passato, zero alibi: non c'è stanchezza, domenica saremo pronti a dare battaglia. Non vediamo l'ora di giocare, anche se la maggior parte dei tifosi sarà inglese. Sarà solo un stimolo. Ce la metteremo tutta, poi vedremo il risultato finale".

Per gli avversari c'è grande rispetto: "Ho sempre considerato l'Inghilterra una delle favorite per la vittoria del torneo. I loro attaccanti sono fortissimi, servirà una grande attenzione non solo in difesa, ma di tutta la squadra. Dovremo essere molto molto attenti alla loro velocità e fisicità. Kane non lo scopriamo certo adesso, è uno dei più forti attaccanti al mondo. In queste tre partite abbiamo affrontato tre dei migliori attaccanti che ci sono, ma questo è solo uno stimolo per dare sempre il massimo. Loro comunque hanno anche una difesa super, hanno subito davvero poco, con grandi giocatori come Maguire e Stones. Servirà grande attenzione e furbizia per fare gol".

Bonucci ha poi detto di riporre grande fiducia nei centravanti azzurri, finiti un po' nel mirino della critica: "Per noi Immobile e Belotti fanno un lavoro fondamentale, anche se non fanno gol devono stare sereni. Purtroppo l'attaccante viene giudicato sui gol, ma per noi chi gioca in quel ruolo è fondamentale per il gioco di squadra. Sono sicuro che daranno tutto loro stessi e potrebbero anche esser decisivi".

Il numero 19 si è detto contento per la presenza del presidente della Repubblica alla finale e ha poi fatto un appello ai tifosi affinché eventuali festeggiamenti avvengano in maniera più responsabile possibile (con riferimento in particolare al rider malmenato a Cagliari): "Mattarella a Wembley è una grande dimostrazione di vicinanza, ancora una volta di più vorremmo regalare una gioia al capo dello Stato e a tutti gli italiani. Proprio per questo grande entusiasmo mi piacerebbe invitare i tifosi ad avere più rispetto nei festeggiamenti. Ho visto immagini che vanno stigmatizzate, festeggiate ma nel massimo rispetto per se stessi e per il prossimo".

BIANCONERI IN TV

Interviste esclusive

I cugini di Gran Bretagna

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi