Home / Coppa Italia / Roma-Spezia 2-4: giallorossi in tilt, Italiano ai quarti

Roma-Spezia 2-4: giallorossi in tilt, Italiano ai quarti

Mancini e Pau Lopez espulsi, sesto cambio irregolare

Roma-Spezia 2-4: giallorossi in tilt, Italiano ai quarti

Colpo grosso dello Spezia in Coppa Italia. All'Olimpico la squadra di Italiano batte la Roma 4-2 ai supplementari e stacca il pass per i quarti di finale, dove affronterà il Napoli. Liguri in vantaggio con un rigore di Galabinov (6') e un destro di Saponara (15'), poi un penalty di Pellegrini (43') riapre il match e Mkhitaryan (73') pareggia i conti. Nell'extratime Mancini e Pau Lopez si fanno espellere e Verde (107') e Saponara (119') chiudono la partita (che comunque i giallorossi avrebbero perso a tavolino per aver fatto un sesto cambio irregolare).

LA PARTITA

Dopo il derby da incubo, in Coppa Italia Fonseca opta per un turnover ragionato. Davanti tocca a Pedro e Mkhitaryan, con Borja Mayoral prima punta. In mediana con Pellegrini c'è Villar, in difesa invece spazio a Mancini, Cristante e Kumbulla. In fiducia dopo gli ultimi tre risultati utili in campionato, Italiano risponde invece con tanti cambi e un 4-3-3 coraggioso. In porta a sorpresa c'è Krapikas, con Ramos e Vignali sugli esterni, Sena in cabina di regia e Agudelo, Galabinov e Saponara in attacco. Con le squadre corte l'avvio del match è subito ricco di emozioni. Da una parte Borja Mayoral va vicino al vantaggio dopo nemmeno un minuto, dall'altra invece Cristante tocca Maggiore in area e Galabinov sblocca il match dal dischetto dopo una bella giocata di Saponara. Gol che rompe a sorpresa l'equilibrio e mette subito la Roma alle corde confermando una preoccupante fragilità difensiva. Insicura nelle marcature e imprecisa negli appoggi, la squadra di Fonseca fatica a manovrare con qualità e a contrastare il giro palla dei liguri. Atteggiamento che dà fiducia agli uomini di Italiano, bravi invece ad approfittare di un disimpegno sbagliato di Kumbulla per raddoppiare i conti con un bel destro di Saponara. Un uno-due pesantissimo per i giallorossi, che dopo un quarto d'ora da brividi si aggrappano a Mayoral e Spinazzola per aumentare il ritmo e reagire. In pressione, la Roma attacca a testa bassa e spinge soprattutto sulla sinistra. Lo Spezia invece si abbassa a protezione del risultato e prova a ripartire in contropiede. Tema tattico che costringe agli straordinari Krapikas, bravo a respingere i tentativi di Pedro & Co., ma impotente sul rigore di Pellegrini che riapre il match sul finire del primo tempo.

 La ripresa inizia con la Roma in avanti a caccia del pareggio. Lo Spezia però non rinuncia a giocare, cercando di colpire di rimessa con Saponara e Maggiore. Deiola ci prova su punizione, poi è Pedro a sprecare una buona ripartenza e Borja Mayoral manca il bersaglio grosso da ottima posizione. Occasioni che non spaventano gli uomini di Italiano, decisi a tenere alta la pressione sui portatori per far passare il tempo e concentrarsi sulla fase difensiva. Nell'ultima mezz'ora regolamentare, sono i giallorossi a prendere in mano il match e ad aumentare i giri. Borja Mayoral sbaglia tutto a due passi dalla linea di porta. Errore che Mkhitaryan invece non commette davanti a Krapikas, pareggiando i conti con un bel colpo sotto. Rete che accende il finale. Da un parte Borja Mayoral sbaglia ancora clamorosamente il colpo del ko, dall'altra Pau Lopez vola invece su un sinistro di Piccoli portando la gara ai supplementari. L'extra-time si apre con l'ingesso in campo di Dzeko e una doppia follia della Roma. In trenta secondi Mancini e Pau Lopez si fanno espellere incredibilmente, lasciando i compagni in nove e mandando in tilt i dirigenti giallorossi, che danno il via libera al sesto cambio irregolare. Situazione che segna indelebilmente la gara sul piano del risultato, trasformando il finale del match in un assedio alla porta di Fuzato. In superiorità, lo Spezia spinge allargando la manovra. La Roma invece prova a difendersi serrando le linee. Resistenza che crolla nel secondo tempo supplementare sotto i colpi di Verde e Saponara. Gol che decidono il match e archiviano la pratica. Dopo la batosta nel derby, la Roma esce male anche dalla Coppa Italia. Lo Spezia invece continua a stupire e si regala il Napoli ai quarti.

LE PAGELLE

GALABINOV 6,5: lavora bene spalle alla porta e tiene sempre impegnata la difesa giallorossa con la sua fisicità. Non trema dal dischetto e serve a Saponara l'assist per il raddoppio

SAPONARA 7,5: buona la prima. Ispirato e sicuro nelle giocate. Inizia bene servendo una bella palla a Maggiore, poi raddoppia con un destro preciso e chiude la gara con una perla

MAGGIORE 6,5: quantità e qualità. Spinge e lotta con continuità facendo sentire la sua presenza in mediana

VERDE 7: entra e si dà subito da fare in fascia. Attivo e propositivo. Firma il gol del 3-2 con un bel colpo di testa

MKHITARYAN 5,5: fino al 73' va al trotto e non brilla, poi pareggia i conti con un tocco sotto da top player, ma non basta per la sufficienza

PELLEGRINI 5: meno brillante del solito e fuori dal gioco. Freddo dal dischetto, per il resto poca roba

BORJA MAYORAL 4,5: sempre in ritardo sugli spunti dei compagni. Nella ripresa sbaglia due gol clamorosi

CRISTANTE-KUMBULLA 5: il primo stende Maggiore in area, il secondo sbaglia l'appoggio e regala palla ai liguri sul raddoppio di Saponara. Insicuri nelle chiusure e imprecisi nell'avvio dell'azione

MANCINI E PAU LOPEZ 4: in trenta secondi rimediano due rossi imperdonabili che segnano la gara e l'eliminazione dalla Coppa Italia

IL TABELLINO ROMA-SPEZIA 2-4 DTS

Roma (3-4-2-1): Pau Lopez 4; Mancini 4, Cristante 5 (3' pts Fuzato 6), Kumbulla 5; Bruno Peres 5,5, Pellegrini 5, Villar 6 (24' st Veretout 5,5), Spinazzola 6 (24' st Karsdorp 5,5); Pedro 6 (3' pts Ibanez 6), Mkhitaryan 5,5 (40' st Perez 5,5); Mayoral 4,5 (1' pts Dzeko 6). A disp.: Farelli, Juan Jesus, Smalling, Santon, Fazio, Podgoreanu. All.: Fonseca 4

Spezia (4-3-3): Krapikas 6,5; Vignali 5,5, Erlic 6, Ismajli 6, Ramos 6 (23' st Dell'Orco 6); Deiola 6 (35' st Acampora 6), Sena 6 (23' st Ricci), Maggiore 6,5; Agudelo 6 (14' st Verde 7), Galabinov 6,5 (23' st Piccoli 6,5), Saponara 7,5. A disp.: Zoet, Rafael, Agoume, Gyasi, Farias, Terzi, Chabot. All.: Italiano 7

Arbitro: Ghersini

Marcatori: 6' rig. Galabinov (S), 15' Saponara (S), 43' rig. Pellegrini (R), 28' st Mkhitaryan (R), 2' sts Verde (S), 14' st Saponara (S)

Ammoniti: Pellegrini (R); Agudelo, Ismajli, Dell'Orco (S)

Espulsi: 2' pts Mancini (R) - doppia ammonizione, 2' pts Paul Lopez (R) - eccesso di foga

BIANCONERI IN TV

Interviste esclusive

Primavera e giovanili

Calcio

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi