Home / Coppa Italia / Il Milan batte il Torino ai supplementari

Il Milan batte il Torino ai supplementari

Finisce 4-2 per i rossoneri

Il Milan batte il Torino ai supplementari

Il Milan batte 4-2 il Torino ai tempi supplementari e vola in semifinale di Coppa Italia, dove incontrerà la Juventus. Partita spettacolare a San Siro: i rossoneri passano con Bonaventura, ma vengono ribaltati dalla doppietta di Bremer. Nei minuti di recupero Calhanoglu trova il 2-2 e manda la sfida ai supplementari, dove ancora il turco e Ibrahimovic spengono i sogni granata. Altra sconfitta pesante per Mazzarri, che resta sempre in bilico. Milan-Torino 4-2: i rossoneri si regalano la Juve

LA PARTITA

Serata da cuori forti quella di San Siro: il Milan domina, poi soffre, si salva all'ultimo respiro e infine centra l'obiettivo, sfruttando al meglio una panchina decisamente più lunga di quella del Torino e regalandosi così il faccia a faccia con Cristiano Ronaldo e compagni in semifinale. Per i granata una risposta d'orgoglio dopo il tracollo con l'Atalanta, ma anche un'altra batosta pesante da digerire, che porta a 11 le reti incassate nelle ultime due partite. Nella serata dedicata al ricordo di Kobe Bryant il Milan parte premendo sull'acceleratore e provando a sfruttare il momento d'oro di Rebic e Theo Hernandez. Il Toro deve fare i conti con la contestazione dei propri tifosi dopo l'umiliante 0-7 subito dall'Atalanta e nelle prime battute appare molto intimidito, tanto che al 12' è già sotto: Verdi perde palla a centrocampo, Castillejo innesca Rebic che affonda e mette in mezzo, dove Bonaventura (perso da De Silvestri) deve solo appoggiarla in rete. Il Milan spinge per il raddoppio, ma nel momento di massima pressione arriva il contropiede letale: Bremer recupera palla al limite, si fa 60 metri di campo e poi batte Donnarumma su imbeccata di Verdi. Gli uomini di Pioli provano a farsi perdonare la distrazione, ma il 2-1 di Rebic è annullato per un evidente tocco di mano di Piatek e la prima frazione si chiude in parità. Nella ripresa il Milan perde brillantezza col passare dei minuti, si abbassa troppo e a 20 dalla fine la squadra di Mazzari trova un vantaggio tutto sommato meritato: bel cross di Aina per Bremer, che di testa anticipa l'immobile difesa rossonera e batte un pietrificato Donnarumma. Quando i rossoneri sembrano ormai non crederci più, Calhanoglu (entrato da 10 minuti) trova il 2-2 con un destro da fuori deviato da Djidji e restituisce linfa vitale ai suoi. Ibrahimovic, subentrato a un impalpababile Piatek, ha due volte l'occasione per l'incredibile 3-2, ma prima calcia alto da zero metri e poi trova un super Sirigu, che manda la sfida ai supplementari. Il portiere sardo è poi costretto agli straordinari ed è autore di un paio di veri e propri miracoli, prima su Calhanoglu poi su Hernandez, ma in avvio di secondo tempo deve arrendersi: pronti via e il neoentrato Kessiè pesca in profondità Calhanoglu, che colpisce da posizione defilata con un sinistro potente e incrociato, gonfiando la rete per il 3-2. Ibra, poi, si fa perdonare l'erroraccio di prima e la chiude definitivamente.

LE PAGELLE

Piatek 4,5 - Sperduto in campo, sperduto mentalmente. I compagni lo cercano poco, quando gli arriva la palla quasi sempre pasticcia. Esce (tra i fischi) per far posto a Ibra dopo un improbabile tentativo al volo da centrocampo che finisce in tribuna.

Rebic 6,5 - Nel primo tempo è nettamente il migliore dei suoi: allargandosi a sinistra dialoga a meraviglia con Hernandez e, da una sua iniziativa, nasce il gol del vantaggio. Si spegne col passare dei minuti, ma la sua resta una prestazione più che sufficiente.

Calhanoglu 7,5 - Entra e cambia la partita. Salva i suoi a 4 minuti dall'eliminazioni e poi gli regala la semifinale. La prima doppietta in rossonero non poteva arrivare in una serata migliore.

Ibrahimovic 6 - Al suo ingresso appare un po' contratto e impacciato nei movimenti . Si divora un gol non da lui che avrebbe potuto chiudere i giochi già nei tempi regolamentari, ma ha poi il merito di trovare il definitivo 4-2. Con lui in campo, in ogni caso, la squadra appare sempre più pericolosa.

Bremer 7,5 - Un gol per tempo, uno da bomber e uno da ariete. Chiusure impeccabili e anticipi tempestivi. Esce per infortunio e il Milan trova il pari che manda la partita ai supplementari.

Sirigu 7 - Ancora una volta risulta uno dei migliori in campo per il Torino, a dispetto dei 4 gol subiti e questo non può che far riflettere.

Belotti 5,5 - Come sempre cuore, grinta e voglia di lottare, anche dopo un paio di colpi pesanti alla caviglia e alla schiena. Purtroppo però, non basta a creare occasioni degne di nota e senza i suoi gol il Toro affonda ancora.

IL TABELLINO Milan-Torino 4-2 dts Milan (4-4-2): Donnarumma 6,5; Conti 5,5, Kjaer 6, Romagnoli 6, Hernandez 6,5; Castillejo 6,5, Krunic 6,5 (82' Calhanoglu 7,5), Bennacer 7, Bonaventura 6,5 (76'Leao 6,5); Piatek 4,5 (65' Ibrahimovic 6), Rebic 6,5 (106' Kessiè 6,5). Allenatore: Pioli 6,5

Torino (3-4-2-1): Sirigu 7; Izzo 6, Nkoulou 6, Bremer 7,5 (82' Djidji 5,5); De Silvestri 5,5 (112' Laxalt sv), Rincon 6 (112' Lyanco sv), Lukic 6,5, Aina 6,5; Berenguer 6 (90' Millico 6,5), Verdi 5,5; Belotti 5,5.

Allenatore: Mazzarri 6

Arbitro: Pasqua

Marcatori: 12' Bonaventura (M), 34' e 71' Bremer (T), 91' e 106' Calhanoglu (M), 108' Ibrahimovic (M)

Ammoniti: 22' Rincon (T), 30' Hernandez (M), 37' Rebic (M), 37' Izzo (T), 53' Kjaer (M), 74' Krunic (M), 93' Conti (M), 112' Ibrahimovic (M) Espulsi: -

BIANCONERI IN TV

I cugini di Gran Bretagna

Conferenze stampa

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi