Home / Coppa Italia / Fiorentina-Inter 1-2: Lukaku al 120' manda i nerazzurri ai quarti

Fiorentina-Inter 1-2: Lukaku al 120' manda i nerazzurri ai quarti

L'Inter raggiunge il Milan ai quarti

Fiorentina-Inter 1-2: Lukaku al 120\u0027 manda i nerazzurri ai quarti

Inter ha raggiunto il Milan ai quarti di finale di Coppa Italia dopo aver battuto 2-1 la Fiorentina al Franchi dopo i tempi supplementari. Decisiva la rete di Lukaku al 119' dopo che nei novanta minuti regolamentari al rigore di Vidal al 40' aveva risposto Kouamé al 57' con un destro sotto la traversa. L'ingresso di Hakimi e Lukaku ha cambiato il volto al match, e dopo gli errori di Lautaro e Hakimi è arrivato il colpo di testa vincente del belga.

LA PARTITA

Centodiciannove minuti per eliminare la Fiorentina e raggiungere il Milan ai quarti di finale di Coppa Italia. L'Inter è passata al Franchi attingendo a tutti gli uomini migliore a disposizione di Conte per sfondare il muro viola di Prandelli, mettendo la testa avanti all'ultimo respiro e quando i calci di rigore sembravano ormai una formalità da espletare. Una fatica extra che non farà piacere alla squadra nerazzurra in vista del big match di campionato contro la Juventus, ma che tiene l'Inter in corsa per entrambi gli obiettivi stagionali rimasti dopo l'addio alle competizioni europee. Il 2-1 rende merito a una partita complessivamente giocata meglio e all'attacco, con almeno cinque nitide palle gol sprecate prima del colpo di testa vincente di Lukaku, sempre più uomo della provvidenza per l'Inter. Gli infortuni nel riscaldamento di Borja Valero da una parte e di Sensi dall'altra ha scombussolato il piano tattico dei due allenatori, ma Conte ha preferito portare avanti il discorso Eriksen regista piazzando il centrocampista danese tra Vidal e Gagliardini. Dopo mezz'ora senza grossi spunti offensivi nonostante la predominanza nerazzurro in campo, è stato proprio Eriksen ad essere protagonista nell'episodio che ha sbloccato il match; l'ex Tottenham con un tiro dal limite ha impegnato Terracciano il quale, sulla respinta, è intervenuto in maniera scomposta su Sanchez (palo) causando il rigore che Vidal ha trasformato con una conclusione rasoterra centrale. Pochi istanti dopo anche la Fiorentina avrebbe avuto il suo calcio di rigore, tolto poi dal Var visto l'intervento pulito di Skriniar su Kouamé. Dopo il raddoppio sprecato da Lautaro Martinez a inizio ripresa, l'attaccante ivoriano ha impiegato dodici minuti della ripresa per prendersi la propria rivincita risolvendo con un destro sotto la traversa un'azione in mischia portata avanti con caparbietà da Vlahovic per l'1-1. Dal pareggio viola in poi in campo c'è stata solo l'Inter, fatta eccezione per qualche ripartenza sugli esterni della squadra di Prandelli, con le occasioni per gli uomini di Conte che, non capitalizzate, hanno portato la gara ai supplementari. Con l'ingresso di Lukaku e Hakimi a venti minuti dalla fine la contesa si è spostata interamente nella metà campo della Fiorentina con l'esterno marocchino vicino al gol con un paio di conclusioni e Sanchez sprecone sul secondo palo. Nei supplementari l'Inter ha poi seminato fino al raccolto da tre punti. Sanchez si è divorato un gol di testa in area piccola, poi Eriksen ha fatto volare Terracciano con una conclusione dalla distanza. Lo stesso portiere si è superato al 116' sul colpo di testa di Lukaku da pochi passi, ma nulla ha potuto sull'incornata del belga al 119' che ha evitato all'Inter la sofferenza dei rigori e consegnato il passaggio del turno ad Antonio Conte.

LE PARTITE

Lukaku 7 - Decisivo, come sempre. L'incornata vincente a un minuto dalla fine vale la qualificazione, ma Conte probabilmente avrebbe preferito risparmiarlo in vista del campionato. Entra nella ripresa per chiudere la contesa e cambia il peso specifico dell'attacco là davanti.

Martinez 5 - Sulle sue spalle pesa l'errore clamoroso a inizio ripresa in piena area che, con il gol realizzato, avrebbe probabilmente chiuso la partita con un tempo di anticipo ed evitato fatiche extra a tutti.

Eriksen 5,5 - Provato regista, vaga per il campo alla ricerca della posizione. Si fa vedere dopo la mezz'ora ed entra nell'azione del gol, poi però non dà continuità alle giocate e alla prestazione.

Terracciano 7 - Para tutto il parabile prima di capitolare sull'ultimo tiro di Lukaku confermandosi un vice di buona qualità.

Kouame 6 - Ritrova il gol proprio dove l'aveva lasciato a settembre, contro l'Inter. E' l'unico spunto degno di nota della partita in cui conferma di non vivere un grande momento di forma e fiducia.

IL TABELLINO FIORENTINA-INTER 1-2 dts

Fiorentina (3-4-2-1): Terracciano 7; Milenkovic 6, Martinez Quarta 6,5, Igor 6; Caceres 5,5 (7' st Venuti 6,5), Bonavantura 5,5, Amrabat 6, Biraghi 5,5; Castrovilli 6, Eysseric 5 (7' st Vlahovic 6,5); Kouamé 6 (7' pts Callejon sv). A disp.: Dragowski, Brancolini, Duncan, Pezzella, Barreca, Montiel, Krastev, Dalle Mura. All.: Prandelli 6.

Inter (3-5-2): Handanovic 6; Skriniar 5,5 (16' st De Vrij 6), Ranocchia 6, Kolarov 6; Young 5 (24' st Hakimi 7), Gagliardini 5,5 (36' st Barella 6,5), Eriksen 5,5, Vidal 6 (4' pts Brozovic sv), Perisic 5,5; Martinez 5 (24' st Lukaku 7), Sanchez 5,5. A disp.: Padelli, Radu, Bastoni,. All.: Conte 6.

Arbitro: Massa

Marcatori: 40' rig. Vidal (I), 12' st Kouamé (F), 14' sts Lukaku (I)

Ammoniti: Eysseric, Igor, Bonaventura, Kouamé (F); Skriniar, Vidal, Eriksen, Ranocchia, Sanchez (I)

Espulsi: nessuno

BIANCONERI IN TV

Conferenze stampa

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi