Home / Conferenze stampa / Tudor: Non ho paura, il calcio è uno sport

Tudor: Non ho paura, il calcio è uno sport

Il tecnico in conferenza stampa

Tudor: Non ho paura, il calcio è uno sport

Mister  Igor Tudor parla alla stampa alla vigilia di una partita molto delicata, quella contro il Verona. Di fronte una diretta concorrente che in classifica precede di un punto l'Udinese. Il tecnico risponde subito alle domande sul turn over: "Vediamo. Se qualcuno ha problemi.. Si giocadopo tre giorni e io sono contento di questo. Quando si arriva da una situazione così, è meglio. Troviamo una squadra tosta, in un buon momento, anche se non ha raccolto tanto. Per noi questa è una opportunità di riscatto".

Ci sarà spazio per Mandragora? "Quando si perde è sempre più forte chi non ha giocato. Io vedo i ragazzi tutti i giorni e faccio le scelte. Quando non si fa risultato è tutto in discussione".

Giocare a quattro dietro? "Questa squadra è costruita per giocare a tre dietro. Abbiamo giocatori sulle fasce. Poi si può sempre discutere. Se analizziamo la gara con il Brescia, era una partita da 0-0. Non abbiamo meritato di perdere. Non siamo stati brillanti, ma abbiamo perso un tiro deviato. Il Brescia non ha fatto una grande gara. Noi davanti non siamo riusciti a essere concreti, non siamo riusciti a fare la differenza. Era comunque una prestazione da 0-0. Mi dispiace, perchè in queste 4 partite noi non abbiamo meritato 3 punti. Questo mi brucia. Il Brescia si era preparato difensivamente per il nostro calcio. Ma meritiamo molto più di tre punti. Ma il calcio è questo. Io guardo avanti. Preparo al meglio, poi vediamo cosa succede".

C'è paura dei fantasmi del passato: dove si può dare di più? Perchè manca continuità? "Io non ho mai paura nel calcio. La paura nel calcio non esiste, il calcio è uno sport. La sfida è tirare sempre fuori il massimo dalla squadra. Dopo due anni, questa squadra ha iniziato a giocare a calcio davvero, partendo con le costruzioni da dietro. Io vado fiero di questo. Ora bisogna fare risultato. C'è Okaka che sta tornando: con lui e De Paul in avanti siamo molto più forti, però bisogna tirarsi fuori e fare più punti".

Servono più gol: "E' il problema che c'è qui. Noi comunque siamo migliorati, giochiamo da dietro, abbiamo creato tanto in 3 gare, c'è un forte miglioramento rispetto all'anno precedente. Poi bisogna fare la differenza in avanti. Il Brescia ha fatto una partita da 0-0. Ma il calcio a volte è mer.. Con il Parma avremmo strameritato e abbiamo perso".

Cosa la preoccupa di più del Verona? "Sarà una battaglia, sarà un derby di Spalato tra due amici. Ci conosciamo bene, sarà tosta, loro sono una squadra battagliera, che fa un calcio a uomo, alla Gasperini. Dobbiamo prepararci per quello".

Il ritmo è la loro arma? "Sì, hanno un calcio chiaro".

Come sta Okaka? "Sta crescendo e si sta avvicinando alla possibilità di iniziare".

Interviste esclusive

Primavera e giovanili

I cugini di Gran Bretagna

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi