Home / Blog bianconeri / Udinese: lavori in corso a Sankt Veit

Udinese: lavori in corso a Sankt Veit

E sul mercato

Udinese: lavori in corso a Sankt Veit

Ci vorrà tempo per vedere definita l'Udinese 2019/20. Lo dice il momento dell'anno, visto che siamo nel bel mezzo dell'estate, e lo conferma la prima uscita stagionale dei bianconeri dopo due settimane di lavoro. I prossimi appuntamenti sul campo, a partire da quello di mercoledì contro l'Al Hilal e il successivo di sabato contro il Borussia Dortmund, daranno maggiori indicazioni ma è chiaro che ci sia ancora da lavorare sia sulla squadra che sul mercato.

Tudor e lo staff si dedicano molto alla parte atletica e a quella tattica, che prevede pochi ma sostanziali cambiamenti. Da ieri lo fanno a Sankt Veit, dove i primi a doversi fermare ai box sono Opoku (per una botta alla schiena rimediata sabato) e Beçao (uscito per un risentimento muscolare alla coscia destra). Per gli altri prevista da subito una doppia seduta in un programma che verrà definito di volta in volta.

Marino e la dirigenza friulana continuano ad operare sul mercato per definire la nuova rosa, tra uscite (sono ancora molti i giocatori in attesa di nuova sistemazione) ed entrate, con trattative che, anche a causa della scelta di allungare nuovamente il termine ultimo per il mercato, sono destinate a protrarsi spesso più del necessario.

E' il caso, ad esempio, del tira e molla per Tokoz, per il quale al momento si registrano solamente nuovi inserimenti (l'ultimo sarebbe quello della Roma). Anche per Dziczek, altro obiettivo bianconero, la fase di stallo mantiene comunque in stand by la trattativa. Ma l'Udinese non sta ferma ad aspettare e scandaglia le varie opportunità mentre non perde di vista il primo obiettivo, quello della seconda punta/terzino.

Tudor ha dato indicazioni chiare sui tipi di giocatori che gli servono e la necessità di incrementare il bottino di reti fatte rispetto alla passata stagione, rende prioritaria la ricerca di un nuovo giocatore per il reparto avanzato.

Su questo fronte, però, nulla trapela. La sensazione è che si stia scandagliando il mercato estero: diventa quindi ancora più urgente l'accelerata nell'operazione, visti i tempi solitamente necessari per l'ambientamento. Anche questa mossa, però, potrebbe essere secondaria alla cessione di De Paul, gioiellino prescelto per fare cassa. Per ora i 30 milioni di valore fissati dai Pozzo fanno da deterrente alle pretendenti, con il Torino che addirittura è pronto a scommettere al ribasso di ben 10 milioni, correndo il rischio più che reale di non riuscire nemmeno a sedersi al tavolo di una ipotetica trattativa con i friulani.

Inizia intanto un'altra settimana importante nella costruzione della nuova stagione: tra campo e mercato, l'Udinese deve iniziare a prendere forma. Questo pomeriggio verrà sorteggiato il calendario della Coppa Italia: per l'Udinese il primo appuntamento da non fallire è il 18 agosto, tra meno di un mese.

SUL PICCOLO SCHERMO

Interviste esclusive

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi