Home / Blog bianconeri / Giacomini: l'Udinese ha buttato via la partita

Giacomini: l'Udinese ha buttato via la partita

Il mister a 'Bianconero'

Giacomini: l\u0027Udinese ha buttato via la partita

L'Udinese a Torino ha perso punti importanti contro una squadra, quella granata, che nel finale non ce la faceva più. Questo il pensiero di mister Massimo Giacomini su Torino-Udinese. A 'Bianconero', su Telefriuli, l'ex allenatore dell'Udinese ha commentato: "Hanno buttato via la partita come han fatto altre volte. Hanno commesso errori incredibili, contro un Torino che mi aspettavo aggressivo e con un gioco ben qualificato invece ho visto una squadra avversaria balbettante. Non ricordo grandi parate di Musso, ma ricordo che Sirigu ha fatto due parate interessanti, che abbiamo sbagliato un rigore e non solo. Abbiamo meritato di perdere perchè virtualmente abbiamo fatto troppi errori. E poi è grave che Nicola dica che De Paul ha fatto benissimo: prende in giro la gente? Sul rigore ha fatto il prefisso di Torino e gliel'ha telefonato. E ha calciato di interno piede: si tira di collo, alto. Il punto è che è considerato un grande giocatore e le aspettative su di lui sono alte. QUando l'avversario capisce che lui stoppa la palla, sculetta e poi parte con l'esterno del destro, lo ferma. In questo modulo lui deve stare in panchina. Se giochiamo con il 4-3-3 può giocare come attaccante di sinistra e fa benissimo. Bisogna avere il coraggio di metterlo dove deve stare, così può essere importante. Con Nicola, l'unica partita in cui è stato sufficiente è stata quella con la Roma".

Il gol di Okaka? "Non era regolare. Il Var è per sciogliere i dubbi. Sirigu non si era accorto che era in fuorigioco e pensava che il gol fosse regolare. Lasagna impedisce a Sirigu una buona visuale".

C'era rigore su Larsen? "No. Larsen ha chiuso il braccio, per questo non è stato dato rigore. L'arbitro ha visto che il braccio era aperto, ma cadendo lui lo ha chiuso. Se fosse rimasto con il braccio aperto, Guida avrebbe dato rigore".

Nicola poteva fare meglio con questa squadra? "L'Udinese è come altre 10 squadre di questo campionato. Chi ha l'allenatore migliore va più su. Adesso in avanti abbiamo delle scelte".

Quindi la società ha ragione? "La prima cosa da fare è fare la squadra con l'allenatore, non prendere chi si vuole e poi dire all'allenatore 'fai'. Poi Nicola non può dire che De Paul è stato il migliore in campo. Prende in giro la gente. Non capisco perchè dobbiamo giocare con cinque difensori. A tre gioca solo la Lazio, perchè ha Marusic e Lulic. Perchè quella di ieri è stata una partita loffia? Perchè le squadre giocavano con moduli speculari. La partita diventa un monologo in mezzo al campo".

La protesta dei tifosi: è il caso di continuare? "Non giova a nessuno ripetere il silenzio allo stadio"

Secondo Dal Cin i Pozzo sono la garanzia dell'Udinese, come società: "Quello che ha detto Dal Cin è tutto vero: i Pozzo sono una garanzia. Ma il momento è questo. Pozzo ha fatto lo stadio, chi lo avrebbe fatto? Nel computo va anche questo. E il centro Bruseschi, che nemmeno il Barcellona ce l'ha. Però attenzione che è difficile stare tanti anni in A. In tanti club sono saltati. Sono cose da tenere presente. Qui da 24 anni sono le stesse persone che guidano la gita: su queste cose bisogna ragionare in un modo, sulla partita in un altro".

SUL PICCOLO SCHERMO

Interviste esclusive

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi

Conferenze stampa