Home / Blog bianconeri / Come sta cambiando l'Udinese

Come sta cambiando l'Udinese

Le attuali opzioni per Tudor

Come sta cambiando l\u0027Udinese

Oggi importante consiglio di Lega a Milano, tra i presidenti di serie A. Si finirà ragionevolmente a parlare di mercato, materia di rilievo visti i patrimoni che riesce a smuovere. In casa bianconera prevista una girandola di uomini piuttosto copiosa....

In uscita: SCUFFET, BOCHNIEWICZ (cessione ufficiale), SIERRALTA, COPPOLARO MICIN, COULIBALY, MALLÈ, ADNAN (cessione ufficiale), PEZZELLA, D’ALESSANDRO (rientro prestito), BADU, DE PAUL, MATOS,

Situazione:

In porta MUSSO sarà il titolare designato anche per la stagione 19/20. Come riserva si punta ad un esperto - possibile rinnovo del prestito con NICOLAS - e conferma per Gasperini. PERISAN dovrebbe cimentarsi altrove.

In difesa con l’ufficialità di BECÃO si ritiene di aver trovato un titolare nella difesa a 3 - probabile un suo impiego a destra - per gli altri 2 posti quasi certo l’impiego di SAMIR a sinistra (salvo offerte straordinarie), mentre in mezzo se la possono giocare in 4; favorito il nazionale nigeriano EKONG su DE MAIO, NUYTINCK (possibile partenza) e il giovane ghanese OPOKU. Salvo sorprese, WAGUE dovrebbe venir ceduto in Francia e dopo la cessione a titolo definitivo di BOCHNIEWICZ al Gornik Zarbre, anche SIERRALTA e COPPOLARO (Entella) dovrebbero rivenire collocati al fine di giocare con continuità. 6 le pedine previste con un ricambio per ruolo.

Tra gli esterni certe le partenze di ALÌ ADNAN (cessione definita), quasi certa quella di PEZZELLA che a Udine non sembra aver incontrato un ambiente dove esprimersi al meglio, si è rinunciato per impieghi sulla sinistra, anche al riscatto di D’ALESSANDRO i cui 4 milioni richiesti dalla Dea son sembrati eccessivi. Rimangono in organico STRYGER LARSEN buono per tutte le circostanze, ma sul quale la società sembrerebbe voler capitalizzare e TER AVEST, ok a destra in chiave tattica difensiva; per la mancina, area più scoperta, si potrebbe assistere ad un rientro di ZEEGELAAR (al WATFORD sarebbe chiuso) o di un utilizzo un po’ forzato di Svante INGELSSON atteso ad un sospirato recupero. Se come sembra si vorrà trasformare la fascia destra in una corsia all’occorrenza pronta ad esercitare efficace spinta in attacco, ecco allora che Nacho PUSSETTO potrebbe diventare l’interprete ideale, tanto è dotato di corsa adeguata per coprire tutta la fascia. Sua riserva e utile anche davanti, potrebbe divenire MACHIS, dopo una più che positiva esperienza al Cadice in segunda; in ritiro ci sarà anche il venezuelano.

A centrocampo tutto dipenderà dalla nuova destinazione di RDP. Il mercato verrà imperniato sulla capitalizzazione e definizione sulle contropartite del trasferimento. Difficile pensare a solo cash in entrata dunque sarà necessario accettare risorse in chiave tecnica. Anche per FOFANÀ si cercano acquirenti; ma dato che non sarà svenduto, alla fine potrebbe anche restare in organico. Si punta al mantenimento per un altra stagione di Rolando MANDRAGORA, per poi lasciarlo gestire quando previsto alla Juventus, che lo utilizzerà per completare altre operazioni nell’egida delle plusvalenze e scambi. La società sia è cautelata con l’arrivo del croato JAJALO - miglior regista in B - e con il rientro del giovane BALIC cui verrà data ulteriore chance e opportunità, di apprendere il mestiere dal maestro connazionale. Si punterà inevitabilmente al pieno recupero di Antonin BARAK il quale, se torna quello conosciuto appena 12 mesi fa, non potrà che essere uno degli inamovibili tra i 3/4 se consideriamo anche il ruolo di esterno, di centrocampo. Difficile rimangano in organico BADU e il rientrante COULIBALY tanto più che sembra quasi certo l’arrivo via Watford di PAPU GUEYE, un colored che potrebbe essere molto utile posizionato davanti alla difesa. Qualora poi con FOFANÀ si realizzasse un cospicuo gruzzoletto, da non trascurare l’arrivo della giovane promessa turca Dorukhan Toköz, la cui differenza tra domanda (11) è offerta (8.5) viene ancora ritenuta troppo ampia per considerare la trattativa in dirittura d’arrivo.

In avanti con il fallimento del Palermo e il conseguente ingaggio di NESTOROWSKI, si punta al mantenimento in organico di Stefan OKAKA, il quale però non sembra vantare un rapporto idilliaco con il tecnico croato. Lui e TEO dovrebbero dare profondità e peso atletico ad un reparto in cui 4 punte di qualità divengono necessarie a sostenere la pressione di un campionato impegnativo quale quello che si prospetta. Sembra infatti scontato si punti al pieno rilancio di KL15, un attaccante di qualità stimato da TUDOR, che vuole fortemente rilanciarsi dopo una stagione in chiaro scuro. Partenza invece pressochè scontata per PERICA, visto la stagione deludente appena trascorsa.

Infine riteniamo che l’innesto di un giovane di prospettiva (STUPAREVIC?) già sotto contratto con i cugini d’Albione, potrebbe servire a completare un reparto che tuttavia, è in grado di sufficiente flessibilità da includere alla bisogna anche l’argentino PUSSETTO nel novero di una batteria d’attacco sulla carta, di considerevole spessore.

Buon lavoro ragazzi.

SUL PICCOLO SCHERMO

Interviste esclusive

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi