Home / Notizie dalle altre squadre / Verso Juve-Inter, Allegri: "Più importante la Champions"

Verso Juve-Inter, Allegri: "Più importante la Champions"

Il tecnico ribadisce la necessità di raggiungere il primo posto nel girone. Spalletti: "La Juve non è solo Cristiano Ronaldo"

Verso Juve-Inter, Allegri:  Più importante la Champions

Domani sera gli occhi del mondo saranno puntati su Torino, sull'Allianz Stadium, dove andrà in scena Juventus-Inter, la partita più sentita della Serie A. In attesa del confronto in campo, oggi gli allenatori si sono "sfidati" nelle rispettive conferenze stampa. Massimiliano Allegri, toscano livornese, e Luciano Spalletti, toscano di Certaldo (Firenze), città separate da appena 80 km.


Allegri cerca di stemperare l'attesa: "Domani è una partita bella e importante perché è il Derby d'Italia, quindi, indipendentemente dalla classifica, sarà sicuramente una serata affascinante di sport tra due squadre che insieme al Milan hanno fatto la storia del calcio italiano. Credo che tra la partita di domani e quella di mercoledì per noi è molto più importante quella di Champions League, perché mercoledì ci giochiamo molto, il primo posto, domani invece ci giochiamo solo tre punti. Il primo posto in Champions è fondamentale vedendo la situazione degli altri gruppi". Poi una battuta sul collega Spalletti: "Siamo diversi ancora per poco, perché lui
non ha più capelli, io quasi, quindi fra poco saremo uguali".

L'allenatore dell'Inter pensa solo alla gara di domani: "Dobbiamo essere convinti che chi ci sta davanti non sia così forte e così bravo da indurci a non seguire il nostro percorso, per cui andiamo dritti per la nostra strada. Quando non sei convinto che la forza che hai porti a un obiettivo preciso è finita. Noi siamo convinti di questo". Sulla Juve: "Tra di noi c'è una distanza importante in classifica, diventa difficile andarli ad acchiappare, questa è la brutta notizia, la bella è che intanto la possibilità di accorciare questa distanza dipende da noi. Loro sono fortissimi, non solo per Cristiano Ronaldo, hanno calciatori come GC3 (Giorgio Chiellini, ndr), Pjanic, Mandzukic". Risponde anche al pensiero di Allegri sulla maggiore importanza della gara contro gli Young Boys: "Più importante Juve-Inter o Inter-PSV? Noi non siamo nelle condizioni di scegliere, loro probabilmente sì, Allegri ha chiaro quello che deve fare la sua squadra, perché si vede a che risultati li ha portati. Noi dobbiamo fare bene in entrambe le partite, però dobbiamo pensare a una soltanto in questo momento, dobbiamo fare il primo passo in maniera corretta e intensa, poi di conseguenza viene meglio anche quello successivo". Sull'assenza di Nainggolan: "È chiaro che tutti i singoli hanno una forza che viene a mancare se non giocano, ma nel calcio non è detto che dei calciatori forti singolarmente ti facciano vincere. Bisogna vedere come si integrano, come si aiutano". Insomma, Spalletti punta a responsabilizzare l'intero gruppo, sa che serve una prova collettiva perfetta per mettere in difficoltà la Juventus.

SUL PICCOLO SCHERMO

Interviste esclusive

Vita da Club

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio