Home / Interviste esclusive / Pradè: fa male perdere così

Pradè: fa male perdere così

Ma questo è un gruppo che farà bene, sono fiducioso

Pradè: fa male perdere così

A fine gara Daniele Pradè era decisamente rammaricato. Il dirigente bianconero a Telefriuli ha commentato: "Fa male perdere così, perchè la partita l'ha fatta, l'hai fatta bene. I ragazzi hanno dato tutto in campo. Abbiamo preso due pali, due gol di cui uno su calcio di rigore, al quinto, perso con la Var. L'hai rimessa in piedi, hai fatto la partita. L'hai iniziata benissimo, l'hai iniziata spigliato, la volevi vincere e hai perso. Hai perso perchè loro davanti hanno questo che è un campione. Noi abbiamo fatto una disattenzione che ci ha punito. Poi il palo, la parata e non siamo riusciti a rimetterla in piedi"

Nota positiva Okaka: "Sappiamo quello che ci deve dare. Sapevamo che aveva nelle gambe 50/60 minuti. E' un calciatore che ti trasporta, è un calciatore che dobbiamo mettere al 100% della condizione, ma sappiamo quello che ci può dare. E' trascinatore, un combattente, uno che aiuta. Sicuramente è un calciatore che ci darà una mano. Ma oggi avevamo infortunati, squalificati. In più Lasagna, che voglio ringraziare personalmente, che ha giocato con un anestetico per la spalla che non riusciva nemmeno a muovere: ma ha giocato 90 minuti e ha dato tutto. E' dura commentarla, è dura dirla, però l'hai persa. Perciò da domani bisogna lavorare, rimettersi sotto. Fortunatamente rientrano Mandragora e Pussetto, speriamo che la situazione di Barak sia in via di definizione. Teodorczyk rientra lunedì in campo. Abbiamo perso dall'inizio dell'anno Badu, Teodorczyk, Samir, Barak: quattro giocatori che potevano farci la differenza".

Mancano soprattutto rinforzi in difesa. Dal mercato dovrà arrivare qualcosa: "Abbiamo grande affidabilità con i tre dietro, è difficile che loro facciano errori. Ci mancherebbe un completamento. Adesso vediamo se troviamo qualcosa che ci piace e che possa fare al caso nostro. Da domani rientra anche Wague. Andiamo avanti".

Più tiri in porta dell'Udinese ma meno gol. Solo sfortuna o anche la solita imprecisione? "Direi anche sfortuna. Abbiamo preso due pali, ha fatto una parata incredibile Sepe. Questo è il calcio".

Con che spirito si prepara la trasferta di Genova? "Una sconfitta non deve cambiare le sorti del tuo pensiero. La vittoria con il Cagliari ci ha dato serenità, ci ha fatto passare buone ferie. Abbiamo lavorato benissimo in 14 giorni, si è visto che la squadra fisicamente c'è. Bisogna continuare. E' una annata difficile. Io mi sento fiducioso: questo è un gruppo che diventerà una squadra forte".

SUL PICCOLO SCHERMO

Interviste esclusive

Vita da Club

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Altri mondi