Home / Interviste esclusive / Mandragora: il prossimo anno prima la salvezza e poi qualcosa di più

Mandragora: il prossimo anno prima la salvezza e poi qualcosa di più

Mi godrò Udine anche la prossima stagione

Mandragora: il prossimo anno prima la salvezza e poi qualcosa di più

A salvezza conquistata, Rolando Mandragora a Telefriuli commenta: "Tutto è bene quel che finisce bene. Ovviamente siamo contenti, ma adesso c'è da finire bene il campionato. Abbiamo un'ultima partita, pensiamo a quella. Poi inizieremo l'anno con nuovi obiettivi, magari quello di raggiungere inizialmente la salvezza e poi puntare a qualcosa in più".

Come giudichi il tuo primo anno all'Udinese? "Solitamente non mi piace parlare di quello che faccio in campo, preferisco sempre che a parlare siano gli altri. Sono felice di aver giocato con continuità, sono felice di essere stato utile alla causa e sono felice che i tifosi ci abbiano accompagnato durante tutto il cammino del campionato".

Non parli di campo. Ma Udine, la città, come l'hai vissuta? "L'ho vissuta bene, ho passeggiato molto per la città, sono contento e me la godrò anche il prossimo anno".

Nel frattempo gli Europei: speriamo di vederti il 30 giugno a Udine in finale: "Per scaramanzia non faccio previsioni. Vogliamo essere competitivi: non facciamo promesse a livello di risultati ma siamo sicuri che daremo tutto per la maglia azzurra e cercheremo di portare entusiasmo intorno a questo Europeo anche perchè lo giochiamo in Italia, quindi abbiamo voglia di fare bene".

Non vi pesa la responsabilità? "No. Per noi è un grande piacere. Spero avremo tanti tifosi al seguito: abbiamo voglia di fare bene".

SUL PICCOLO SCHERMO

Interviste esclusive

Europei

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi