Home / Interviste esclusive / Giacomini: Nicola si sarebbe potuto prendere prima

Giacomini: Nicola si sarebbe potuto prendere prima

L'ex tecnico dell'Udinese a 'Bianconero'

Giacomini: Nicola si sarebbe potuto prendere prima

Una settimana fa era nell'aria l'esonero di Julio Velazquez, ma non c'era ancora l'ufficialità. E' arrivata martedì 13 novembre. Mister Massimo Giacomini a 'Bianconero' su Telefriuli ha commentato così il cambio tecnico: "Mi spiace per Velazquez, ma si è fatto condizionare un po' e questo lo ha fregato. Doveva continuare con le idee iniziali, con una squadra che dimostrava una compattezza interessante. Poi la svolta tattica e lì si sono inanellate le sconfitte, ma soprattutto non abbiamo giocato con coraggio. Poi siamo tornati palla al piede, si sono rivisti vecchi difetti, siamo come tornati indietro. Penso che Nicola si potesse prendere a giugno. Credo sia uno difficilmente influenzabile, ha idee, conosce i giocatori, ha fatto gavetta in piazze estremamente difficili: questa per lui è una piazza di burro rispetto alle altre".

Cosa porterà Nicola? "Anche individualmente ha avuto grandi problemi che ha superato. E' una persona matura, e questo con una squadra multinazionale ci vuole. E' un uomo estremamente pratico e quindi fa giocare bene le squadre. Abbiamo un grande allenatore in Italia, Ancelotti, che con il suo 4-2-4 che diventa 4-4-2 ha vinto dappertutto".

Tatticamente come si presenterà? "I giocatori non li ha scelti lui. Vedrà il più adatto in base a quello che si è trovato qui. Lui ha chiarito un paio di cose quando si è presentato".

Potrebbe giocare Vizeu? "Se non arriva ad un certo livello in allenamento, non potrà giocare".

La Roma: avversario difficile: "La Roma ha problemi per gli infortuni. Le gare dopo le soste regalano sempre qualche sorprese. Quest'anno la Roma è squadra giovane, con giocatori interessanti. Manca di solidità in mezzo al campo con De Rossi a mezzo servizio. Dzeko è un grande condottiero. Ha esterni molto interessanti come Under. Se è in buona giornata, la Roma è difficile da battere. Ma se giochi in velocità e palla bassa puoi metterli in difficoltà".

SUL PICCOLO SCHERMO

Interviste esclusive

Vita da Club

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio