Home / Azzurri / Mancini: due gol sono un buon segnale

Mancini: due gol sono un buon segnale

Contro il Liechtenstein cambierò qualcosa

Mancini: due gol sono un buon segnale

"Loro oggi hanno cambiato totalmente modo di giocare, mettendo dentro cinque difensori. All'inizio è stato un po' difficile, nel secondo tempo siamo andati molto meglio. Kean? Ha qualità, deve lavorare tanto, ha enormi margini di miglioramento, ora dipende da lui". Così il ct dell'Italia Roberto Mancini dopo il 2-0 sulla Finlandia. "Immobile? Quando un attaccante cerca il gol e non arriva può esserne condizionato, ma deve stare tranquillo".

"Nel primo tempo aveva sempre almeno sette giocatori addosso e doveva essere più bravo a cercare spazi per gli altri", ha detto ancora Mancini su Immobile - Kean e Zaniolo, che era un po' emozionato, sono giovani che hanno qualità ma devono lavorare molto", ha aggiunto il ct azzurro".

"Kean e Balotelli potrebbero giocare insieme - ha detto poi Mancini in conferenza stampa - Kean è il nuovo Balotelli? Li trovo tutti io... Kean è ancora giovane, può giocare da esterno di destra o sinistra. Ha qualità enormi, è fisicamente devastante, deve crescere. Sono molto soddisfatto delle risposte dei giovani. Abbiamo puntato su Kean perché lo abbiamo visto in questi giorni. Nel momento in cui ci è venuto a mancare Insigne serviva un giocatore con qualità diverse. Barella è una conferma, tutti hanno fatto bene, sono contento".

Su Immobile: "Di critiche non ce ne sono, poi per un attaccante quando cerca con ansia il gol magari è il momento che non arriva". E su Quagliarella: "Sta facendo bene da un po' di tempo. Ha sempre lavorato bene, arrivare alla sua età ed essere nelle sue condizioni... E' entrato in un momento dove le maglie erano un po' più larghe. Nel primo tempo era un po' più difficile".

E ancora: "Subiamo pochi gol, ne facciamo pochi per le occasioni che creiamo ma già stasera averne fatti due è un buon segnale. Ci sono situazioni di gioco che dobbiamo migliorare sicuramente, credo che le miglioreremo quando potremo stare un po' più insieme". Martedì c'è il Liechtenstein: "Qualcosa cambieremo per dare un po' di freschezza".

SUL PICCOLO SCHERMO

Interviste esclusive

Vita da Club

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Altri mondi