Home / Altri mondi / La Gsa batte Verona 76-71

La Gsa batte Verona 76-71

Nella sfida per il quarto posto

La Gsa batte Verona 76-71

Grande attesa al Carnera per Gsa-Verona, sfida che mette in palio il quarto posto. In occasione della presentazione, applausi per Aleksander Vujacic, che torna a Udine con la maglia Tezenis. Le emozioni non sono mancate, con una gara che, dopo un primo quarto straripante, è rimasta aperta fino alle battute conclusive, quando la Gsa è riuscita a essere più cinica, conquistando un importante successo per 76-71. Lo scarto non basta per scalzare i veronesi dalla posizione, ma l'Apu ha fatto un deciso passo avanti, in termini di gioco e attenzione, in chiave play-off.

CRONACA.

Ad aprire le marcature è Pellegrino, da sotto, ma Severini risponde dalla lunga (2-3). L'ex Vujacic si presenta subito con una tripla; scaligeri a segno anche con Amato e Poletti per la prima mini-fuga (2-10, quando sono trascorsi poco meno di 3'). E' ancora Pellegrino a rimettere in moto il tabellone friulano e a lanciare il contropiede che consente a Simpson di piazzare la bomba (7-10). A Candussi, la Gsa risponde ancora da tre con Penna (10-12). Simpson infiamma nuovamente i tifosi con un centro dalla lunga, imitato da Vujacic (13-15, quando restano 4'20'' da giocare). Verona affonda ancora da lontano con Amato, ma l'Apu risponde subito al colpo con la tripla di Powell (16-18). Vujacic continua a macinare bombe, ma Penna replica. Si continua a segnare da tre con Poletti, mentre la replica di Simpson è da due (21-24). Vujacic a segno, da due e da tre, prima della bomba di Powell (24-29). Prima del fischio c'è ancora tempo per il canestro da sotto di Udom e la tripla allo scadere di Simpson, che chiude il quarto sul 27-31.

Si riparte con il bel centro di Simpson a cui risponde Ikangi (29-33). Dopo un paio di passaggi a vuoto, è Powell a centrare la parità da sotto le plance (33-33, quando sono trascorsi poco meno di 2'). A segno dalla lunga Candussi, che riporta avanti la Tezenis, grazie anche a un canestro e fallo (33-38). Primo centro per Mortellaro; Nikolic manda in lunetta Canussi, che fa uno su due (35-39). Ci pensa Penna a riaccendere il Carnera (38-39). Ferguson spedisce in lunetta Amici, che impatta sul 39-39, quando restano cinque minuti da giocare. Dopo un time-out chiesto dalla Tezenis, si riparte con il centro di Vujacic. Amici non sfrutta l'occasione dalla lunetta, ma si fa perdonare con la tripla del 42-43. E' Amato ad allungare ancora con canestro e fallo (42-46, quando mancano 2'30''). Primi punti anche per Nikolic (44-46), prima di una serie di passaggi a vuoto da entrambe le parti. Ci pensa ancora Simpson a rimettere in moto i friulani, che passano avanti sul 47-46. Nel finale c'è ancora spazio per il contropiede di Ferguson (47-48); coach Martelossi chiama minuto e organizza l'ultimo assalto bianconero, che non va a segno. Si va al riposo lungo sul 47-48.

Dopo una serie di errori, è Nikolic ad aprire le marcature, sfruttando al meglio un rimbalzo offensivo (49-48). Il primo canestro ospite porta la firma di Amato, da tre; è Pellegrino a rispondere, allo scadere (51-51). Gsa ancora a segno dalla distanza con Penna e poi con un gancio di Pellegrino per il massimo vantaggio interno (56-51). Ci pensa Poletti ad accorciare (56-53). Simpson allunga ancora, prima della tripla sulla sirena di Udom (58-56, quando mancano 3'33''). Amici commette fallo su Udom, che fa uno su due (58-57). Bell'assist di Simpson per Mortellaro e poi ancora Amici a servire Powell (62-57, quando mancano 2'18''). Simpson manda ai liberi Udom, che non sbaglia (62-59). Vujacic si fa di nuovo sentire con una tripla, ma arriva pronta la replica di Simpson (65-62). Canestro su rimbalzo di Powell, che manda al riposo sul 67-62.

Avvio dell'ultimo quarto all'insegna degli errori, da entrambe le parti. Trascorre 1'50'' prima che Candussi sblocchi, con canestro e fallo (67-65). Il cronometro continua a scorrere, ma senza centri. Candussi manda in lunetta Mortellaro, che fa zero su due. Dopo quattro minuti il punteggio è ancora fermo, prima della tripla di Simpson, ma Amato risponde al colpo (70-68). Alla fiammata segue un altra fase senza centri, prima del tap-in di Nikolic (72-68, quando mancano 3'). Palla persa per Verona, che Penna sfrutta per andare a segno in solitaria (74-68). Vujacic ancora una volta non perdona dalla lunga (74-71, a 2'29'' dalla sirena). Dopo il time-out è Powell ad andare a segno da sotto le plance (76-71, a 1'46''). Doppia occasione non sfruttata dalla Tezenis, che chiama minuto a 37'' dalla sirena. Canestro non convalidato per i veronesi, a 22'', che permette ai friulani di gestire fino al termine, sul 76-71.

SUL PICCOLO SCHERMO

Interviste esclusive

Europei

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi