Home / Serie B / Cambia la graduatoria dei ripescaggio: Novara e Catania sognano

Cambia la graduatoria dei ripescaggio: Novara e Catania sognano

Al momento ritroverebbero la B

Cambia la graduatoria dei ripescaggio: Novara e Catania sognano

Una sentenza del Tribunale Federale permette a Novara e Catania di rientrare nei criteri dei ripescaggi: al momento ritroverebbero la Serie B.

Un'altra estate di attese, di sentenze, di tribunali e di ricorsi. Il calcio italiano ci ha ormai abituati a queste estati anomale e anche l'estate 2018 non farà eccezione. Il caso Parma, con i ducali che rischiano l'annullamento della promozione in Serie A, il Chievo a serio rischio retrocessione in Serie B, Palermo e Crotone che sperano nel ripescaggio in massima serie, ma non solo. In Serie B, Bari e Cesena non potranno prendere parte al prossimo campionato per via di problemi societari. E anche in questo caso, c'è chi spera nel ripescaggio.

Siena e Ternana sembravano in pole position per accedere alla cadetteria ma, a sorpresa, ieri il Tribunale Federale ha stravolto le carte in tavola. Ma andiamo con ordine.

Il Novara aveva presentato un ricorso nei confronti della delibera che vietava alle società sanzionate nel corso degli anni precedenti di essere inserite nelle graduatorie di ripescaggio. I piemontesi, recentemente retrocessi in Serie C, sarebbero infatti rimasti fuori dalle graduatorie per via di una penalizzazione di due punti scontata nella stagione 2015/2016 in seguito ad irregolarità amministrative.

Questa la sentenza del Tribunale Federale, che riammette dunque in graduatoria diverse società: “Il Tribunale Federale Nazionale - Sezione Disciplinare, annulla la delibera del Commissario Straordinario FIGC di cui al CU n. 54 DEL 30.5.2018 nella parte in cui a pag. 14, punto D.4 del CU sopra richiamato, si legge che “le Società che hanno scontato nelle s.s. 15-16, 16-17 e 17-18 sanzioni per il mancato pagamento, nei termini prescritti, degli emolumenti dovuti ai tesserati, lavoratori dipendenti e collaboratori addetti al settore sportivo o delle ritenute IRPEF, o dei contributi INPS o del Fondo Fine Carriera relative ai suddetti emolumenti, saranno computate ai soli fini della redazione della classifica finale, ma saranno in ogni caso escluse dalla possibilità di colmare vacanze di organico”.

Una sentenza che inevitabilmente stravolge le graduatorie e rilancia le ambizioni di Novara e Catania che, fino a ieri, non rientravano tra le società 'ripescabili'. La graduatoria dei ripescaggi tiene conto di tre criteri: 1) classifica finale dell’ultimo campionato, 2) tradizione sportiva della città (partecipazione a campionati di massima serie, B, C, Lega Pro e così via) 3) spettatori medi nelle cinque stagioni precedenti (spettatori allo stadio di casa tra le stagioni 2012/2013 e 2016/2017).

La classifica finale si ottiene poi utilizzando la seguente formula: punteggio classifica finale x 0,5 + punteggio tradizione sportiva x 0,25 + punteggio numero medio spettatori x 0,25.

GRADUATORIA FINALE

Novara 48,25

Catania 48

Ternana 45,25

Siena 45,25

Reggiana 43,75

Pro Vercelli 43,5

In questo caso, dunque, sarebbero proprio Novara e Catania a far ritorno in Serie B.

Nulla di certo, ovviamente. La FIGC, seppur commissariata, potrebbe ricorrere e i tempi inevitabilmente allungarsi. Novara e Catania sperano, Ternana e Siena attendono.

E l'estate si scalda.

0 Commenti

Sul piccolo schermo

Interviste esclusive

Conferenze stampa

Vita da Club

Coppa Italia

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio