Home / Rassegna stampa / Messaggero Veneto: Lopez c'è, ma non è maxi attacco

Messaggero Veneto: Lopez c'è, ma non è maxi attacco

Delneri deve lavorare per coinvolgere di più Perica e Lasagna, oltre a scoprire Bajic e Ewandro

Messaggero Veneto: Lopez c'è, ma non è maxi attacco

E' vero, i problemi maggiori per l'Udinese si sono registrati in fase difensiva ma, fa notare oggi il Messaggero Veneto, nemmeno l'attacco dà grandi garanzie. 10 dei 18 gol fin qui messi a segno vengono dal reparto avanzato ma due sono dell'ex Thereau e altri tre del capocannoniere bianconero Rodrigo De Paul, che non è un vero e proprio attaccante.

Maxi Lopez, l'attaccante preso a fine mercato, ha segnato due gol, tutti contro la Sampdoria. Poi più nulla. Ma non è lui il problema. Spiega infatti Stefano Martorano: "Lopez si è ritrovato sempre più isolato al centro dell'attacco, privo di palle giocabili fronte alla porta e della possibilità di duettare. Gli giocano sempre laterali e lontani i due attaccanti esterni, nel 4-3-3 molto più propenso al 4-5-1, con De Paul e Kevin Lasagna (due gol per lui), o Stipe Perica, lasciati a troppi metri di distanza per approfittare delle finezze tecniche di Maxi, che la palla la sa trattare e pure dare con i tempi giusti, come dimostrato dai duetti con Lasagna nella sfida casalinga col Genoa, che però risale a metà settembre.Tridente largo quindi, una scelta che sembra aver corroso anche la verve di Lasagna, chiamato a fare l'esterno puro a Firenze, dove è durato 45', e a Sassuolo, dove ha prodotto l'assist per Antonin Barak. Poi ha scaldato la panchina in casa con Juve e Atalanta. Della posizione non sembra beneficiarne neanche De Paul, al quale Delneri chiede dei tagli per linea interna palla al piede e giocate con l'esterno che in allenamento vengono cercate più che in partita, là dove invece conta. Perica, invece, ha dimostrato di adattarsi di più alle richieste, partendo anche largo o centrale, come ha fatto da cavallo pazzo con la Juve, in occasione del suo unico gol segnato in cinque presenze e 201 minuti giocati.Ryder Matos, anche lui impiegato spesso da esterno, non ha visto mai la porta, ma forse è ancora peggiore il fatto che l'acquisto più oneroso del mercato estivo, Riad Bajic, abbia giocato solo 57' e che il talentuoso brasiliano Ewandro non abbia ancora debuttato in stagione.Dei sette attaccanti, in pratica due non hanno mai giocato. È tempo di valorizzare le risorse. Il suggerimento arriva anche dai numeri".

5 Commenti
carlodeimaltesi

ci serve una guida capace e lucida con idee nuove lontane dal calcio dello scorso millennio..

realduz

Ed i due che han giocato di meno son costati 10 milioni, che ovvio non son soldi miei, ma allora non avanzino nemmeno scuse legate al budget di mercato se viene dilapidato malamente.

selmosson

mandi, se la squadra non fa un po di possesso e pressing alto che permetterebbe di far salire il baricentro di 20 metri , non si puo fare gol se non in contropiedi estemporanei , in isolate azioni e su prodezze dei singoli .. comunque gol ne abbiamo fatti , bisognerebbe prenderne meno , soprattutto in modo ingenuo .. in questi giorni ci sono tutti i difensori e speriamo che delneri si sia concentrato su di loro in particolare , vediamo oggi se va meglio ..

Barpirla

C'è poco da suggerire al testardo di Aquileia, mi sembra che possa dare la mano ad un certo Ventura che allena la nazionale..... CONFUSIONE TOTALE

Allanon

..Però è stato valorizzato Matos!

Sul piccolo schermo

Conferenze stampa

Azzurri

Vita da Club

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio

Altri mondi