Home / Primavera e giovanili / Primavera: Udinese-Juventus 1-2

Primavera: Udinese-Juventus 1-2

Sconfitta per i ragazzi di Giacomin, che regalano il primo tempo alla Juve e reagiscono troppo tardi, sfiorando il pareggio nel finale

Primavera: Udinese-Juventus 1-2

Un tempo a testa. Alla fine la spunta la Juventus, ma l’Udinese rischia il colpaccio nel finale, con una rimonta che sarebbe stata clamorosa.

Padroni di casa reduci dalla bella e fondamentale vittoria di Bologna e che vogliono dare continuità ad un percorso fin qui non esaltante. La Juve è però un avversario scomodo, scomodissimo per l’Udinese e arriva in Friuli dopo aver conquistato la bellezza di 13 punti in 5 partite.

Sotto gli occhi di un attento Massimo Oddo presente in tribuna a Manzano, la partita inizia subito con il botto. Dopo 2’ la prima occasione della Juve, bel fraseggio al limite dell’area, ma Olivieri spedisce alto. La risposta Udinese al 4’ con Jaadi che si accentra dalla sinistra, ma il tiro finisce sopra la traversa. Avvio di gara frizzante, che culmina con il gol juventino, al 7’, di Olivieri, che punisce l’immobile difesa di casa ben servito in area dalla destra. La Juve controlla il gioco e l’Udinese non riesce mai ad impensierire Loria. L’unica azione degna di nota dei padroni di casa arriva da Mallè (più per il gesto atletico che non per la pericolosità), che prova una rovesciata dal limite dell’area che finisce abbondantemente a lato. Ben più concreta è la Juve che sfiora il gol in due occasioni, prima di trovarlo effettivamente al 43’ ancora con Olivieri, lanciato a rete da Muratore che scavalca la disattenta difesa di casa con un lancio d’esterno che mette l’attaccante a tu per tu con Pizzignacco, spiazzandolo.

La seconda frazione inizia con l’Udinese in attacco, pronti via vicina al gol con Brunetti (subentrato nel primo tempo all’infortunato Ndreu), il cui sinistro è troppo debole e centrale e viene respinto dal portiere. La Juve affonda solo una volta in tutta la seconda frazione, al 51’ con Muratore che serve Di Pardo, parata di Pizzignacco, limitandosi a gestire il vantaggio.

Ma i ragazzi di Giacomin non mollano e al 75’ Mallè (migliore in campo per i suoi), dopo un bello schema su punizione, scalda i guanti di Loria da posizione defilata. Iniziano a crederci i friulani, approfittando anche della stanchezza degli avversari e all’80’ arriva il clamoroso palo di Varesanovic con un tiro a giro da 25 metri. Il gol è nell’aria, anche quando, al minuto 89’, Mallè, dalla sinistra, mette in mezzo un pallone che Vasko, solo davanti al portiere, spedisce fuori di un nulla. La rete arriva quando ormai i giochi sembrano fatti: sempre Mallè, questa volta da destra, mette in mezzo un pallone che la difesa juventina rinvia male, al volo Caiazza segna il gol che dimezza lo svantaggio.

Siamo al terzo di 4 minuti di recupero. L’ultimo giro di lancette trascorre con l’Udinese tutta in avanti, la Juve è sulle gambe, Varesanovic dopo una mischia ha il pallone del pareggio sul destro, sulla linea c’è Zanandrea che strozza in gola ai friulani l’urlo di gioia.

Finisce qui, una Juve più cinica ha la meglio su un’Udinese che butta via il primo tempo, in cui non sono mai stati pericolosi e che inizia a giocare solo quando ormai è troppo tardi.

Marcatori: 7′ e 44′ Olivieri (J)

Udinese: Pizzignacco; Vedova, Caiazza, Vasko, Ermacora; Ndreu (41′ Brunetti), Varesanovic, Samotti (76′ Siverio), Kubala (62′ Paoluzzi) ; Jaadi, Mallè. Allenatore: Giulio Giacomin.

Juventus: Loria; Vogliacco, Delli Carri, Zanandrea; Muratore, Caligara, Di Pardo (89′ Merio), Nicolussi Caviglia (18′ Kameraj); Meneghini (77′ Anzolin) ; Montaperto, Olivieri. Allenatore: Alessandro Dal Canto.

Arbitro: Sig. Stefano Lorenzin di Castelfranco Veneto.

Ammoniti: 38′ Caligara (J); 66′ Jaadi (U)

0 Commenti

Sul piccolo schermo

Mondiali

Conferenze stampa

Interviste esclusive

Altri mondi

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio