Home / Primavera e giovanili / Partita a reti inviolate per la formazione di Giacomin

Partita a reti inviolate per la formazione di Giacomin

A Manzano si é vista una squadra in progresso

Partita a reti inviolate per la formazione di Giacomin

UDINESE (4-2-3-1) Gasparini (13'st.-Pizzignaco); Donadello, Vasko, Caiazza(42'st.- Filipiak), Paoluzzi;Brunetti, Samotti; Kubala, Ruscio Garmendia, Mallè; Djoulou (37'st.- Odasso).

A disposizione: Scordino, Pizzignaco, Trevisan, Filipiak, Gkertsos, Odasso, Pecos Melo, Bocic, De Nuzzo. All. Giacomin

LAZIO (4-4-2) Rus; Spizzichino, Kalaj, Baxevanos, Petro; Javorcic (30'st.- Del Signore), Miceli, Mohamed, Aliaj(43'st.- Fidanza); Sarac(22'st.- Marchesi), Rezzi.

A disposizione: Alia, Zitelli, Spurio, Paglia, Fidanza, Marchesi, Del Signore All. Bonatti

Arbitro: Amabile (sez. Vicenza)

Assistenti: Sartori (sez. Padova) e Zampese (sez. Bassano del Grappa)

MARCATORI:

AMMONITI: 26' Aliaj(L); 6'st. Vasko(U);

ESPULSI:

Note: 30' st. espulso l'allenatore della Lazio Bonatti per proteste. 

Bianconeri che attaccano da sinistra verso destra. Al 1' Udinese pericolosa con una conclusione di Kubala alta sopra la traversa. Al 6' altra grossa occasione per i bianconeri con Garmendia che di testa, su cross dalla destra di Mallé, impegna Rus in una parata risolutoria sulla linea di porta. Ritmi subito alti. La squadra di Giacomin si schiera con la difesa a quattro formata da Donadello a destra, Caiazza e Vasko centrali e Paoluzzi a sinistra, in mediana Brunetti e Samotti davanti alla retroguardia, Kubala più avanzato a sinistra, Mallé sull'esterno di destra, Garmendia al centro sulla trequarti offensiva dietro Djoulou. Udinese molto mobile e aggressiva rispetto agli avversari abbastanza statici e finora mai pericolosi. La formazione di Giacomin cerca di innescare gli esterni offensivi Mallé e Garmendia che stanno impegnando i difensori avversari con il proprio gioco tra le linee. Molto alto il pressing dei bianconeri sui portatori di palla avversari che vengono aggreditiper non farli ragionare. Questo atteggiamento ha già fruttato qualche recupero palla da parte dei ragazzi di Giacomin mlto ben in partita dal fischio d'inizio. Al 23' conclusione alta di Kubala su assist di Mallé. Un minuto più tardi Donadello salva sulla linea un colpo di testa avversario su errore di Vasko che non anticipa l'avversario. Lazio che, alla mezz'ora di gioco, sembra essere cresciuta in personalità e peso offensivo rispetto all'Udinese che inizia ad affidarsi alle ripartenze lasciando gioco agli avversari. Al 32' Mallé si accentra dalla destra e prova la conclusione a giro ma il tiro risulta centrale e facile preda di Rus. Qualche buona iniziativa di Mallé dalla destra a cercare i compagni che tagliano verso l'area avversaria e qualche guizzo di Garmendia tra le linee sono state le uniche iniziative offensive dei bianconeri in questo primo tempo che si avvia verso il termine con le squadre ancora bloccate sullo 0-0. La Lazio é attenta nei raddoppi soprattutto sulle corsie esterne che stanno diventando il fulcro del gioco bianconero grazie alla velocità di Mallé e Kubala che riescono a saltare l'avversario diretto. Il centrocampo friulano con Samotti e Brunetti sta cercando di dare appoggio al reparto avanzato, con non grandi risultati sia in termini di palloni giocabili che in termini di conclusioni a rete. Al 42' azione personale di Kubala che in velocità esplode il sinistro che finisce alto sopra la traversa di Rus. Al 44' Djoulou, defilato sul lato corto dell'area di rigore avversaria, cerca di accentrarsi facendo partire un destro alto. Veramente poco pericoloso il numero nove bianconero anche perché ha avuto poche occasioni per mettere a frutto le proprie caratteristiche negli ultimi metri e in area di rigore. Nel settore offensivo bianconero, dopo il buon avvio e la grande occasione, si é via via spento l'estro di Garmendia che non é riuscito a creare nulla di rilevante. Tempo che si chiude a reti inviolate.

Ripresa senza sostituzioni per i bianconeri.

Secondo tempo che si apre con la conclusione di Garmendia sull'esterno della rete avversaria. Bravo il giocatore dell'Udinese a liberarsi per il tiro sul lato corto dell'area biancoceleste. Al 3' enorme occasione per Kubala che in piena area di rigore riesce a saltare l'avversario diretto e, solo davanti al portiere, strozza la conclusione di destro facilitando l'intervento dell'estremo difensore. Lazio che, comunque, non sembra turbata dall'occsione bianconera perché la formazione di Bonatti si riporta in avanti senza però essere pericolosa negli ultimi metri per le attente chiusure dei difensori bianconeri che chiudono gli spazi al fraseggio biancoceleste. Al 11' ancora una buona azione di Kubala che si libera dell'avversario diretto accentrandosi e concludendo nuovamente male col destro. L'esterno ceco sta facendo vedere buone cose quanto a pericolosità offensiva ma l'essere stato schierato a sinistra non lo aiuta nelle conclusioni visto che deve accentrarsi tirndo col piede destro. Al 13' sostituzione forzata per Giacomin che deve mandare in campo Pizzignaco per Gasparini fermato da un problema muscolare dopo un rinvio. Gara che si mantiene quantomai aperta quando si arriva al quarto d'ora del secondo tempo con l'Udinese che sembra poter colpire gli avversari col talento dei propri giocatori offensivi mentre la Lazio si difende abbastanza bene ma non riesce a costruire azioni d'attacco pericolose o comunque che impensieriscano la retroguardia bianconera. Al 18' gli ospiti tentano la sorte dalla distanza con una conclusione di Miceli alta. Nel reparto offensivo di Giacomin Mallé, rispetto al primo tempo, sembra meno imprevedibile per i difensori avversari che hanno preso le distanze al bianconero che non riesce più ad essere incisivo negli assist ai compagni e nell'uno contro uno. Forse Giacomin capisce e accentra Mallé con Garmendia più defilato a sinistra. Al 28' altro buono spunto di Kubala che va sul fondo riuscendo a mettere un cross liberato in angolo dagli avversari. Corner che non viene sfruttato ed anzi la Lazio, in contropiede, rischia di passare in vantaggio con Spizzichino che si fa ipnotizzare da Pizzignaco in uscita in azione di uno contro uno. Al 31' Marchesi prova la conclusione dalla distanza a sorprendere Pizzignaco ma il portiere bianconero blocca indietreggiando. Lazio che sembra fisicamente averne di più rispetto all'Udinese in questa seconda parte di ripresa. Gli attacchi dei biancocelesti sono più continui. Al 35' buon cross di Mallé che non trova garmendia per l'intervento di un difensore avversario che mette di testa in corner. Angolo battuto a rientrare da Garmendia che Rus libera di pugno. La formazione di Giacomin é riuscita a confezionare una buona occasione anche se pare un pò in debito d'ossigeno. Al 37' entra Odasso per Djoulou per l'Udinese che rinforza la difesa e passa al 4-3-3 con Mallé centrale, Garnedia a destra e Kubala a sinistra. Oggi l'attaccante bianconero non é stato praticamente mai pericoloso se si eccettua una conclusione finita alta. La difesa biancoceleste é riuscita a neutralizzarlo con raddoppi puntuali e chiusure sui tentativi di Djoulou di andare via in velocità. Squadre stanche e difese messe alla prova sui capovolgimenti di fronte. Al 42' esce Caiazza per Filipiak che va a sostituire il compagno sofferente per crampi. Al 44' Mallé prova il tiro rabbioso ma la palla finisce sul fondo. La Lazio non rinuncia a tenere palla a terra quando attacca anche in questi ultimi spiccioli di gara. Al 46' altro buon suggerimento di Kubala che, dopo una buona sovrapposizione con Paoluzzi, mette al centro un buon cross rasoterra sul quale interviene Mallé cercando il gol spettacolare di tacco con palla sul fondo. Gara che si conclude a reti inviolate. L'Udinese per impegno e dedizione ha cercato di rendersi più pericolosa degli avversari anche se sono mancate le conclusioni veramente pericolose frutto di suggerimenti importanti da parte del centrocampo e degli esterni, Mallé e Garmendia che hanno dato poco appoggio a Djoulou per il proprio egoismo di andare alla conclusione a tutti i costi. Poca coralità nella manovra per la formazione di Giacomin che ha trovato solo in Kubala un buon interprete del gioco di squadra offensivo. Primo punto del campionato. 

3 Commenti
Portolago

squadra loffia

trekking

senza punte decenti non fai gol e di conseguenza non vinci le partite!!!!

Portolago

partita abbastanza confusa...

Sul piccolo schermo

Blog bianconeri

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio