Home / Notizie varie / Di Natale: il Napoli di Sarri mi ricorda l'Udinese di Guidolin

Di Natale: il Napoli di Sarri mi ricorda l'Udinese di Guidolin

Se giocassi in questo Napoli segnerei tre gol a partita

Di Natale: il Napoli di Sarri mi ricorda l'Udinese di Guidolin

L'ex bomber bianconero Totò Di Natale ha parlato del proprio passato e del presente come ospite a Radio Toscana. Ecco alcune parti dell'intervista come riprese da tuttomercatoweb.com. Iniziando dal proprio passato e interrogato sulla Fiorentina, Di Natale ha ammesso che é stato vicino al passaggio ai Viola ma l'Udinese non volle lasciarlo andare via:" Con i viola ho avuto due contatti: uno prima di andare a Udine, il secondo quando c’era Montella e fu l’Udinese che non mi volle mandare via, ma ho fatto una grande carriera in una città così bella e sono convinto di aver fatto la scelta giusta restando a Udine". Rimpianti per la Nazionale?:"Ho fatto un Mondiale solo, in Sudafrica, e mi è dispiaciuto sia andato così, ma ho fatto due Europei molto buoni. Quando si diventa giocatori l’obiettivo di tutti è quello di arrivare in nazionale: io ho avuto la fortuna di giocare con grandi campioni e di segnare 11 gol e sono contento così. Sbagliai il rigore con la Spagna ad Euro2008 ma li abbiamo rincontrati all’Europeo 2012: dissi a Buffon 'Se il mister mi fa giocare anche solo 20 minuti faccio gol'. Mi sono rifatto di quel rigore sbagliato segnando e chiudendo quel conto in sospeso". Il Napoli di Sarri diverte e sarebbe stata la squadra adatta per le caratteristiche di Di Natale:"Avessi giocato con Sarri avrei fatto 3 gol a partita per come gioca ora il Napoli. Questa squadra mi ricorda l’Udinese degli anni di Guidolin quando giocavo insieme a Sanchez e Alexis già all’epoca era un giocatore fuori dal normale, un campione". Cosa fare da grande?:" Sto bene a casa, ho fatto 21 anni di carriera in un ambiente molto difficile e ora sto bene in famiglia. Con l’Empoli continuo ad avere un grandissimo rapporto e il giorno che avrò voglia di fare qualcosa chiamerò il presidente Corsi. Adesso hanno un buon allenatore come Andreazzoli che ho conosciuto a Udine quando lavorava con Spalletti".

3 Commenti
selmosson

mandi, il suo compito dovrebbe essere l'allenatore degli attaccanti .. ma la moglie non lo lascia venire ad udine ...

zinne

non so a cosa si riferisce con "il napoli di Sarri, mi ricorda l'udinese di Guidolin".. forse nelle verticalizzazioni tra le mezzali e gli attaccanti...

plastik

anche nell udin di quest anno con oddo..grande toto'

Sul piccolo schermo

Conferenze stampa

Vita da Club

Altri mondi

Primavera e giovanili

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Calcio