Home / Notizie dalle altre squadre / Torino: Hart è un dilemma da risolvere in fretta

Torino: Hart è un dilemma da risolvere in fretta

Cairo deve dare un numero 1 a Mihajlovic

Torino: Hart è un dilemma da risolvere in fretta

Hart sì o Hart no? È questo il grande dilemma in casa Torino. Un interrogativo che Urbano Cairo dovrà risolvere in poco tempo perché, per non fallire più l'obiettivo europeo, la prossima stagione va programmata con largo anticipo, ben prima che inizi. Il presidente granata questo ha già iniziato a farlo portando a termine gli acquisti di Vanja Milinkovic-Savic dal Lechia Danzica e Lyanco dal San Paolo, ora dovrà continuare a il proprio lavoro risolvendo la questione portiere.

“Siamo tutti contenti di Joe ma una decisione va presa in fretta per programmare il futuro” aveva pubblicamente affermato Mihajlovic prima dell'ultima partita di campionato. Ora la palla passa a Cairo che, nelle scorse settimane, aveva visto rifiutarsi dal Manchester City la proposta del rinnovo del prestito del portiere.

Acquistare Hart a titolo definitivo è pressoché impossibile, non tanto per le alte richieste economiche del club inglese (circa 15 milioni di dollari), quanto per l'alto ingaggio che percepisce lo stesso estremo difensore: oltre 4 milioni di euro. Nel capoluogo piemontese Hart si è trovato bene, ma questo potrebbe non bastare a far sì che la trattativa possa andare a buon fine. Se il numero uno della nazionale inglese a fine stagione dovesse lasciare l'Italia, come al momento pare più che probabile, il Torino a quel punto dovrà trovare in fretta un sostituto: queste ultimo mese e mezzo di campionato e di allenamenti servirà a Mihajlovc per valutare il giovane Milinkovic-Savic (ha 20 anni e finora ha accumulato esperienza solamente nel campionato polacco) e decidere se affidargli i galloni da titolare nella prossima stagione.

Se il serbo non dovesse convincere, Cairo dovrà agire celermente sul mercato per trovare una valida alternativa per il ruolo di numero 1 e non ripetere l'errore commesso nel 2013 quando il Torino si ritrovò a iniziare la stagione senza avere in rosa un vero e proprio portiere titolare ma tre giocatori acquistati per fare le riserve: Padelli, Gomis e Berni. Come detto da Mihajlovic, una decisione va però presa in fretta. 

4 Commenti
zinne

A Oreste voglio un gran bene, ma... Karnezis per la punta della primavera che non ricordo come si chiama????

tommy pan

tante,troppe volte leggo "il problema è l'alto ingaggio" e penso a me che ho accettato di lavorare per un misero stipen*** rispetto al precedente ma stabile....ma por.ca pu.tta.na tr.oia non è possibile "accontentarsi" di 1 fott.uto milione di euro??Questi veramente vivono in una dimensione parallela.

zinne

scusa tommy, non voglio difendere nessuno ma diciamo che loro cmq non hanno scelto una vita di stabilità da nessun punto di vista.. e se fare lo stesso lavoro che sei cmq via da casa tua, prendere 1 milione o prenderne 2 o anche 3... fa differenza eccome.. poi non siamo tutti uguali.

Aldo48Bo

Come mai non fanno il nome di Meret?

Interviste esclusive

Vita da Club

Primavera e giovanili

I cugini di Gran Bretagna

Serie B

Lega Pro

Internazionali

Altri mondi

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori