Palermo: la sconfitta in Coppa Italia costa la panchina a De Zerbi

Corini nuovo allenatore

Palermo: la sconfitta in Coppa Italia costa la panchina a De Zerbi

30/11/2016

La sconfitta ai rigori in Coppa Italia contro lo Spezia è costata la panchina a Roberto De Zerbi. Zamparini ha infatti esonerato l'allenatore rosanero e affidato la squadra nelle mani esperte di Eugenio Corini. Dopo i deludenti risultati in campionato, per il presidente del Palermo l'eliminazione in Coppa è stata dunque la goccia che ha fatto traboccare il vaso. "Valutata la situazione della Prima Squadra, la Società si sente costretta al cambiamento della guida tecnica che viene affidata ad Eugenio Corini", si legge nel comunicato del club. Per prendere la decisione finale, Zamparini ha atteso la gara di Coppa. Fino all'ultimo ha provato a dare fiducia a De Zerbi, ma alla fine i pessimi risultati hanno avuto la meglio.

Nella storia del club siciliano, del resto, l'ex tecnico del Foggia ha fatto peggio di tutti i suoi predecessori sulla panchina rosanero in Serie A. Con la Lazio domenica il Palermo ha incassato la settima sconfitta consecutiva e al Barbera ha fatto soltanto un punto. Numeri impietosi, da incubo. Che alla fine sono costati il posto a De Zerbi e hanno aperto le porte del club rosanero a Corini. L'ex tecnico del Chievo, fermo da due anni, a Palermo non ha mai allenato, ma è una vecchia conoscenza della città. Da calciatore è stato infatti uno dei grandi protagonisti del club di Zamparini tra il 2003 e il 2007. In Sicilia l tecnico che dovrebbe portare con sé tutto il suo staff storico. Giovedì è in programma il primo allenamento, poi la presentazione ufficiale. Per quanto riguarda il contratto, si parla di un anno con opzione in caso di salvezza.

ZAMPARINI: "SPETTACOLO PENOSO"

Non usa giri di parole Zamparini per spiegare i motivi alla base dell'esonero di De Zerbi. "È stato uno spettacolo penoso. Penosa la squadra e penoso l'allenatore", ha spiegato il presidente rosanero a Repubblica. "Il giorno prima della partita gli avevo mandato un sms dicendogli che non m'interessava nulla della partita con la Fiorentina e che quello con lo Spezia era un passaggio molto delicato dal punto di vista psicologico - ha aggiunto -. Per questo motivo gli ho chiesto di fare giocare tutte le prime linee. E lui cosa ha fatto? Ha schierato una squadra con tante riserve". "Sono certo che lo ha fatto per farsi cacciare e, a questo punto, chiederò la risoluzione del contratto per gravi inadempienze - ha concluso -. Sono molto deluso perché questa, più che un offesa a me, è un'offesa al pubblico di Palermo e alla sua passione".